Colazione ricca? Non riduce la fame

04 febbraio 2011 
<p>Colazione ricca? Non riduce la fame</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Una colazione ricca non è una buona alleata della linea. Una brutta notizia per chi non si accontenta di un solo caffè e, anzi, affronta la giornata con un pieno di calorie proprio con l'intento di arginare la fame a pranzo e a cena.

A smontare il mito di un primissimo pasto nutriente è uno studio tedesco dell'Università di Monaco, pubblicata su Nutrition Journal. Volker Schusdziarra, ricercatore dell'Else-Kröner-Fresenius Center of Nutritional Medicine e primo autore della ricerca, ha chiesto a 380 volontari (280 obesi e 100 normopeso) di tenere un diario dei pasti consumati nell'arco di due settimane. Alla fine ha analizzato i dati scoprendo che chi aveva ecceduto a colazione non aveva affatto consumato meno calorie durante la giornata.

Per la precisione chi aveva assunto al mattino 400 calorie saltavano sì lo spuntino, ma poi non si conteneva a pranzo e cena. E alla fine all'aumento dell'importo calorico della prima colazione corrispondeva un'assunzione maggiore di calorie nell'arco dell'intera giornata.

Meglio allora per chi ha problemi di peso, consigliano i ricercatori, valutare l'idea di una colazione leggera.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).