Poco calcio, ossa a rischio

10 febbraio 2011 
di C.L.
<p>Poco calcio, ossa a rischio</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'adolescenza è di certo un periodo delicato sotto vari profili, compreso quello dell'alimentazione. La conferma arriva dai numeri: più della metà delle ragazze italiane (il 59,3 per cento per la precisione, secondo l'Indagine "Abitudini e stili di vita degli adolescenti" della Società Italiana di Pediatria) desidererebbe vivere in un corpo più snello. Un'insoddisfazione diffusa, dunque, che può portare a diete fai da te o a veri e propri disturbi alimentari. Con conseguenze non solo a breve termine.

Un aspetto da non trascurare, sottolinea l'ultimo numero de L'Attendibile, newsletter mensile di Assolatte, è la salute delle ossa. Il fatto è che proprio durante l'adolescenza si accumula metà della massa ossea adulta e che il raggiungimento di un'adeguata massa scheletrica è importante per ridurre il rischio di fratture di osteoporosi negli anni successivi.

Il problema è che nella dieta degli adolescenti l'introito alimentare di calcio è inferiore ai livelli raccomandati (1200 mg al giorno per i ragazzi dagli 11 ai 17 anni) e diminuisce con il passare degli anni.

Variazioni nell'assunzione di questo preziosio elemento determinano differenze del 5-10% nel picco di massa ossea. Sembrano piccole, ma in realtà implicano una variazione del 25-50% del rischio di frattura dell'anca in età avanzata.

Per questo è importante non trascurare nella propria dieta prodotti lattiero caseari, capaci da soli di contribuire per quasi il 50% all'assunzione giornaliera raccomandata di calcio.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Pasquale 70 mesi fa

Buongiorno , bello il vostro Blog molto interessante , gradirei poter mettere un link di rimando sul mio blog ? http://tornomagro.weebly.com/magro-blog.html

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).