Lo stile di vita? Si decide a 16 anni

28 febbraio 2011 
di C.L.
<p>Lo stile di vita? Si decide a 16 anni</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Se oggi evitiamo la palestra, fumiamo o siamo poco rigorosi nell'alimentazione, lo dobbiamo anche a scelte compiute quando eravamo adolescenti. Secondo una ricerca dell'Università dei Paesi Baschi, infatti, i comportamenti che compongono il nostro stile di vita - attività fisica, abitudini alimentari, consumo di alcol e sigarette - si consolidano dall'età di 19 anni, ma si radicano ben prima, intorno ai 16.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori, guidati da Marta Arrue, hanno analizzato i dati emersi da questionari compilati da un campione di 2.018 tra adolescenti (13-17 anni) e giovani (18-26 anni).

«Le abitudini meno salutari risultano essere quelle alimentari, seguite dall'ingestione di alcol, dalla tendenza a una vita sedentaria, dai rapporti sessuali a rischio, dal consumo di tabacco o di droga e, infine, dal dormire poco o male - spiega Marta Arrue.- Occorre fare particolare attenzione ai ragazzi di 16 anni. E' proprio questo il punto di non ritorno».

Dai dati raccolti, come riporta il Telegraph, emerge che le cattive abitudini tra i 18 e i 26 anni nascono durante l'adolescenza. Le persone giovani sembrano avere più comportamenti a rischio di quanto ci si aspetterebbe e più di quanto loro stesso percepiscano. Con una differenze tra i sessi: se i punti deboli delle donne sono la mancanza di attività fisica, il tabacco, il sonno e comportamenti sessuali poco virtuosi, quelli degli uomini sono l'alcol, vari tipi di droghe e un'alimentazione scorretta.

Tra l'altro i comportamenti a rischio che si manifestano nella prima adolescenza, tranne il sonno, tendono a peggiorare. Anche per questo i ricercatori consigliano di indirizzare i bambini e i ragazzi verso scelte di vita salutari prima dei 13 anni. Prima, insomma, che sia troppo tardi.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).