Materasso, agli italiani piace tecnologico

10 marzo 2011 
<p>Materasso, agli italiani piace tecnologico</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La tecnologia arriva nei letti, vecchi materassi addio. Secondo una ricerca di Databank sono cambiati i gusti e i consumi degli italiani quando si tratta di sonno: alle molle e al lattice ora preferiamo le schiume poliuretaniche, vale a dire le soluzioni più innovative (più 10% nel 2009 e la tendenza è confermata nel 2010).

Il passaggio dalla tradizione all'innovazione è stata inizialmente visto con un po' di diffidenza, d'altra parte i materassi a molle sono entrati nelle nostre case nel diciannovesimo secolo. Ma ora il nuovo sta prendendo il sopravvento.

«I progressi che sono stati fatti nella costruzione dei materassi, con l'utilizzo di materiali nuovi -  dice Alberto Bergamin, amministratore delegato di Tempur Italia - hanno portato ad alcuni vantaggi in termini di qualità del riposo e di durata nel tempo».

Il materiale visco-elastico, tra quelli oggi in commercio, è il più innovativo. Consiste in una particolare schiuma che si conforma  al corpo. E' termosensibile, sfrutta il calore del corpo e si modella. Tutte caratteristiche che concorrono nell'intento di far riposare al meglio la spina dorsale.

Comunque sia, la scelta di un materasso per garantirsi sonni sereni, rimane molto importante. Quando dobbiamo cambiarlo cerchiamo soprattutto qualcosa che duri nel tempo e che sia "salutare". La conferma da un'indagine condotta da Wilke e commissionata da Tempur secondo cui l'83% degli italiani fa attenzione proprio al fatto che il materasso possa fornire un buon supporto per il corpo, sia di alta qualità e dia un corretto sostegno alla schiena.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).