Le etichette? Un rebus

09 marzo 2011 
di C.L.
<p>Le etichette? Un rebus</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Quanta attenzione prestate alle etichette dei prodotti alimentari quando fate la spesa? Se vi soffermate a leggerle sappiate che appartenete a una minoranza. Solo due italiani su dieci infatti lo fanno. Viceversa, uno su tre ammette di non informarsi per nulla degli ingredienti presenti in ciò che sta acquistando. La lettura, poi, per lo più è superficiale (lo dice il 29%) e veloce (per il 27% dura pochi istanti, per il 23% pochi minuti). Come dire che non sappiamo cosa stiamo mettendo nel carrello del supermercato. E' il quadro che emerge da uno studio promosso dalla rivista "Vie del Gusto" e condotto su 1300 uomini e donne italiani, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, a cui è stato chiesto un parere sulle etichette alimentari e una verifica sulla conoscenza di alcuni additivi presenti nei cibi.

Non che gli italiani pensino che le etichette siano poco importanti. Più semplicemente non riescono a capire cosa ci sia scritto (67%). E se le parole appaiono spesso troppo piccole per poter essere leggibili (53%), non manca chi confessa di non essere capace di interpretarle. Un italiano su due, addirittura dice di non comprendere nulla nella lista degli ingredienti che compare per legge sulle confezioni dei prodotti alimentari (51%).

Le incomprensioni diventano evidenti quando si tratta di additivi. Il 63% degli intervistati crede che servano a rendere più belli gli alimenti e non a conservare a lungo i prodotti (45%). La "destrina" da addensante si trasforma in un modo per definire un partito politico, la "lecitina di soia" da emulsionante diviene un tessuto ricavato dal particolare legume e lo "xilitolo" una marca di chewingum.

Insomma, più che un rebus, per gli italiani l'etichetta sembra scritta in un'altra lingua.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Maria [style] 70 mesi fa

Ciao Enrica, hai perfettamento ragione. E' che abbiamo così tante news da dare che, a volte, capita ce ne sfugga qualcuna. Questa ci è sembrata interessante, quindi abbiamo deciso di pubblicarla comunque. Grazie per la segnalazione, ci fa sempre piacere ricevere critiche, positivo negative non importa. Ci aiutano in ogni caso a migliorarci. Buona giornata Maria

enrica 70 mesi fa

Ma pubblicate 2 mesi dopo le notizie?! (è del 3 GENNAIO 2011!!). Fonte: http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=30922

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).