Gli italiani? Un popolo di sportivi

12 maggio 2011 
<p>Gli italiani? Un popolo di sportivi</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Contrordine: gli italiani fanno sempre più sport. A dirlo, una ricerca dal titolo I numeri dello sport italiano - La pratica sportiva attraverso i dati Coni e Istat che ha evidenziato come, per la prima volta nell'ultimo decennio, i sedentari in Italia siano scesi dal 40,6 al 38,3%. Una diminuzione del 2,3 percentuale che significa che nel 2010 ben 1,2 milioni di persone ha deciso di iniziare a praticare una qualche attività sportiva, con un incremento del 3% nella fascia compresa fra 6 e 10 anni.

E in aumento è anche il dato relativo a chi svolge uno sport in maniera continuativa (22,8%), mentre è stabile quello su chi fa sport in modo saltuario (10,2%). Sempre la ricerca ha poi sottolineato come la popolazione sportiva tricolore sia in maggioranza maschile: non a caso, il calcio si conferma come lo sport più amato e praticato con oltre un milione di tesserati (1.125.440 per l'esattezza) che rappresentano il 26,9% del totale degli atleti; ma piacciono (e molto) anche pallavolo e basket, rispettivamente con 327.031 e 322.556 praticanti. Continuando a scorrere la top-ten delle attività sportive preferite, stando ai dati delle 45 federazioni e delle 16 discipline associate, ecco poi tennis, pesca sportiva, atletica leggera, motociclismo, sport equestri, bocce e badminton (noto anche come "volano"), mentre nuoto, golf, ginnastica e ciclismo sono fuori dalle prime dieci posizioni.

«Essere riusciti a diminuire di quasi il 3% il numero dei sedentari è un vero miracolo - ha ammesso il Presidente del Coni, Gianni Petrucci - ed è anche un motivo di orgoglio, che ci permette di metterci già al collo una medaglia olimpica importante. Siamo stati bravi a non risentire della crisi e abbiamo raggiunto un risultato eccellente, ma ora vogliamo di più».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).