Snack: sì a quelli che saziano

06 giugno 2011 
<p>Snack: sì a quelli che saziano</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Piano col bandire tutte le merendine. Secondo uno studio italiano, ci sono snack e snack e alcuni non sono poi così pericolosi per la linea perché, una volta mangiati, sortiscono un effetto tutt'altro che controproducente: "soddisfano" così tanto lo stomaco (oltre che il palato) da bloccare, almeno per un po' di tempo, il senso di fame e la voglia di cedere ad ulteriori ghiottonerie.

Quali sarebbero le merendine alleate del gusto e della salute? Quelle che favoriscono nel nostro organismo il rilascio della grelina, ossia il cosiddetto ormone della sazietà.

A giungere a questa scoperta - pubblicata sulla rivista "Hormone and Metabolic Research" - è stata un'equipe di studiosi dell'Università degli Studi di Milano, coordinati dal professore ordinario di endocrinologia Livio Luzi. Il punto sottolineato dai ricercatori è che non tutte le merendine hanno i medesimi valori nutrizionali e quindi, prima di evitarle o temerle tutte indistintamente, è opportuno valutare alcuni fattori in grado di fare la differenza, come per esempio anche il tasso di digeribilità o di assorbimento.

E ora un piccolo esempio. Dalla ricerca risulta che fra 6 diversi snack dolci presi in esame, a parità di carboidrati assunti, il wafer al cioccolato ripieno di latte e nocciola è quello che sazia di più. Proprio perché favorisce nel nostro organismo un maggiore rilascio di grelina.

 

Piano col bandire tutte le merendine. Secondo uno studio italiano, ci sono snack e snack e alcuni non sono poi così pericolose per la linea perché, una volta mangiati, sortiscono un effetto tutt'altro che controproducente: "soddisfano" così tanto lo stomaco (oltre che il palato) da bloccare, almeno per un po' di tempo, il senso di fame e la voglia di cedere ad ulteriori ghiottonerie.
Quali sarebbero le merendine alleate del gusto e della salute? Quelle che favoriscono nel nostro organismo il rilascio della grelina, ossia il cosiddetto ormone della sazietà.
A giungere a questa scoperta - pubblicata sulla rivista "Hormone and Metabolic Research" - è stata un'equipe di studiosi coordinati da Livio Luzi dell'Università degli Studi di Milano. Il punto sottolineato dai ricercatori è che non tutte le merendine hanno i medesimi valori nutrizionali e quindi, prima di bandirle o temerle tutte indistintamente, è opportuno valutare alcuni fattori in grado di fare la differenza, come per esempio anche il tasso di digeribilità o di assorbimento.
E ora un piccolo esempio. Dalla ricerca risulta che fra 6 diversi snack dolci presi in esame, a parità di carboidrati assunti, il wafer al cioccolato ripieno di latte e nocciola è quello che sazia di più. Proprio perché favorisce nel nostro organismo un maggiore rilascio di grelina.

 

 

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).