Schiena: occhio ai cellulari

25 agosto 2011 
<p>Schiena: occhio ai cellulari</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Che non sia un toccasana per la schiena trascorrere intere giornate in ufficio, inchiodati sulla sedia, è fuor di dubbio. Ma non lo è nemmeno - questa la notizia che suona un po' inaspettata - chinarsi in continuazione per maneggiare il cellulare, lo smartphone, il blackberry o l'i-pad: di questo ne è convinta Kirsten Lord, fisioterapista e direttrice dell'Edinburgh Physiotherapy Centre.

Secondo l'esperta scozzese - la cui analisi è stata pubblicata sulle pagine del "Daily Mail" - sono davvero tante le volte in cui, nell'arco della giornata, ci chiniamo per prendere il cellulare, rispondere a quel messaggio o postare qualcosa sul social network. E a risentire di questi micro-movimenti, dei quali neanche ci accorgiamo, sono soprattutto il collo e la parte alta della colonna vertebrale. E la faccenda non è da sottovalutare, stando all'aumento di casi di cervicale riscontrati dall'esperta nel corso degli ultimi anni.

La soluzione? Visto che dire addio a telefonini & company è impossibile, non rimane che fare più attenzione alla postura che andiamo ad assumere mentre siamo alle prese con cellulari e apparecchi affini. La fisioterapista scozzese invita a rimanere con la schiena dritta e il collo indietro. Più facile a dirsi, però…
 


 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).