Che stress il traffico!

26 agosto 2011 
<p>Che stress il traffico!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'idea di tornare in città dopo le vacanze e ritrovarsi alle prese con il solito traffico fa sbuffare già da adesso? C'è da crederci. Infatti, secondo una ricerca promossa dall'azienda Tom Tom e commissionata all'istituto britannico ICM Research, ingorghi e code sono un vero e proprio motivo di stress, tanto da essere detestati più di una seduta dal dentista o di un pranzo dai suoceri.

E a vivere in maniera peggiore il fattore traffico sarebbero soprattutto gli uomini: secondo i dati raccolti, infatti, i maschi subiscono lo stress degli ingorghi e si arrabbiano ben sette volte di più rispetto alle signore, più pronte a farsene una ragione e ad accettare la realtà dei fatti. 

Dalla ricerca - condotta su un campione europeo di quasi 10.000 persone, tutte tra i 18 e i 64 anni - è emerso pure un altro dato: anche se la maggior parte della gente (il 67% delle donne e il 50% degli uomini) tende a non accorgersene, l'effetto snervante del traffico si fa sentire, a livello fisico, dopo soli venti minuti.

Per fortuna, c'è anche una notizia un minimo rincuorante: un modo per arginare lo stress dovuto al traffico è quello di guidare in compagnia di brani musicali. Tanto che, in base alle risposte fornite dagli intervistati, è emersa persino una top five dei pezzi più indicati per mantenere la calma al volante (o per sfogare la rabbia cantando a squarciagola). Quali sarebbero le hit in questione? Al primo posto c'è "I Want To Break Free" dei Queen. Seguono: "Take It Easy" degli Eagles, "Highway To Hell" degli AC/DC, "Drive My Car" dei Beatles e "On The Road Again" di Willie Nelson.

 

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).