Saltare i pasti impenna l'appetito

21 settembre 2011 
<p>Saltare i pasti impenna l'appetito</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Mangiare in maniera regolare aiuta a tenere a bada la fame e a non abbuffarsi: questo si sa. Ma adesso, a confermare l'invito a non saltare i pasti nella speranza di perdere peso, arrivano anche i risultati di uno studio statunitense, in base al quale è emersa una specifica correlazione tra il livello di glucosio presente nel sangue e il conseguente impulso a mangiare dettato dal cervello. 

Ricercatori dell'Università di Yale e di quella del Southern California hanno appurato che saltare un pasto (o seguire una dieta molto rigida) porta un abbassamento del livello di zuccheri presenti nel sangue e quando il cervello registra un calo di glucosio, per una sorta di meccanismo di compensazione, diventa più facile perdere il controllo e abbuffarsi. Peraltro - e questo vale soprattutto per le persone in sovrappeso - di cibi ad alto contenuto calorico

Perciò il consiglio degli esperti statunitensi - il cui studio è stato pubblicato sulle pagine del "Journal of Clinical Investigation" - rimane quello di non saltare i pasti e, anzi, di mangiare poco e spesso, in modo da "nutrire" il cervello in maniera regolare.


 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).