Sigarette e memoria

23 settembre 2011 
<p>Sigarette e memoria</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

C'è un altro danno da aggiungere nella black list dei contraccolpi provocati sulla nostra salute dalle sigarette: fumare danneggia la memoria. Tanto da poter far perdere alle persone alle prese con questa "abitudine" un terzo di tutti i ricordi quotidiani. Questo, almeno, è quanto dichiarano ricercatori inglesi della Northumbria University.

Per giungere a questa scoperta, gli studiosi hanno condotto un'analisi su oltre 70 ragazzi, tutti fumatori e di età compresa tra i 18 e i 25 anni. E alla luce di vari esperimenti, i ricercatori hanno constatato che gli studenti presi in esame, di tutto quello che facevano nell'arco di un'intera giornata, ricordavano solo il 60%. 

Per fortuna dallo studio è emerso anche un dato incoraggiante: smettere di fumare può spezzare il trend negativo e favorire un recupero dell'attività mnemonica. Per il dottor Tom Heffernan - responsabile della sezione "Drug and Alcohol Research Group" della Northumbria University - i risultati di questo studio sono importanti perché per la prima volta mettono in relazione il fumo con gli aspetti cognitivi legati alla memoria. E non sarebbe male, conclude l'esperto, utilizzare quanto scoperto nelle prossime campagne antifumo.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).