In linea con il tè verde

18 ottobre 2011 
<p>In&nbsp;linea con il tè verde</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il tè verde giova alla linea: a sostenerlo, è uno studio statunitense condotto alla Penn State University di University Park. Stando all'analisi effettuata - e pubblicata sulla rivista "Obesity" - il tè verde contiene una molecola, l'epigallocatechina-3-gallato (EGCG), in grado di ridurre nell'organismo la capacità di assorbire i grassi e, al tempo stesso, aumentare quella di bruciarli. Il tutto senza andare a incidere sull'appetito.

Ma quante tazze di tè verde bisognerebbe bere per trarre benefici sulla propria silhouette? Secondo lo studio, davvero tante: circa dieci al giorno. Tuttavia, secondo Joshua Lambert, coordinatore della ricerca, risultati positivi sul peso può constatarli anche chi beve regolarmente una o più tazze di tè verde. «Ricordiamoci però - precisa Michela De Petris, dietologa di Milano - che per avere benefici sulla linea bisogna assumere tè verde al naturale, ossia senza l'aggiunta di zucchero, miele o qualsiasi altro dolcificante. Altrimenti si va a vanificare ogni potenziale effetto!»

Quando bere il tè verde, per potenziarne i vantaggi sulla linea?
«Direi la mattina a digiuno (dopo averlo lasciato in infusione dai tre ai cinque minuti), perché così si ha tutta la giornata per beneficiare dei suoi effetti. E anche perché questa bevanda contiene teina, una molecola eccitante, che di mattina si rivela utile perché ci aiuta a stare svegli ma che, assunta nel tardo pomeriggio o di sera, può avere ripercussioni sul sonno notturno, perlomeno nei soggetti che faticano ad addormentarsi o ad avere un sonno profondo e ristoratore».

Altri consigli?
«Quello, generale, di far rientrare nella propria dieta il tè verde, perché si tratta di una bevanda veramente salutare: oltre ad essere di aiuto nel bruciare i grassi, migliora il metabolismo degli zuccheri, riduce i livelli di colesterolo e quello dei trigliceridi circolanti ed è anche un valido antitumorale. Chi non dovesse amare il gusto tipico del tè verde, può orientarsi sulle varianti aromatizzate: per esempio, all'arancia, alla mela, alla menta o al mandarino. Ultimo suggerimento: non aggiungere succo di limone. Quest'ultimo, infatti, va a inattivare l'azione degli antiossidanti propri del tè verde».

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
rosalba 62 mesi fa

ho sempre preso il tè verde ed ho avuto una menopausa meravigliosa neanche una caldana

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).