Stevia: un dolcificante
molto particolare

di Alessandra Celentano 

Anche in Franciacorta è arrivata una pianta che può essere utilizzata per estrarre un ottimo sostituto dello zucchero. E - questo l'aspetto interessante - assolutamente naturale

Alessandra Celentano

Alessandra Celentano

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Un ottimo sostituto dello zucchero? C'è e si chiama Stevia. Si tratta di un dolcificante naturale che deriva da una piccola pianta della famiglia dei crisantemi e originaria del Sudamerica. Attualmente reperibile anche in Italia e di recente arrivata in Franciacorta, all'azienda agricola di Castello Quistini (in provincia di Brescia). Dove è pure possibile, previa prenotazione, visitare il relativo vivaio.

Nella sua forma naturale la stevia - il cui nome completo è Stevia Rebaudiana Bertoni - ha proprietà dolcificanti di 10/15 volte superiori a quello dello zucchero classico. Mentre in polvere estratta dalle foglie arriva addirittura ad essere più dolce dalle 70 alle 400 volte.

Ed ecco l'identikit più preciso della Stevia: cresce fino a 80 cm, non contiene calorie né ingredienti artificiali, non causa diabete e non altera il livello di zucchero nel sangue. Non ha tossicità (a differenza dei dolcificanti sintetici), non provoca carie né placca dentale e può persino essere usata in cucina.
 
Da sapere: fino a poco tempo fa l'uso della Stevia come dolcificante era proibito per via di presunti effetti collaterali, fugati soltanto dopo una lunga serie di ricerche. Nel nostro continente il via libera da parte dell'Unione Europea all'utilizzo e alla diffusione di questo sostituto dello zuchero è arrivato alla fine del 2011.

Per saperne di più o visitare il vivaio di Castello Quistini:
www.castelloquistini.com
info@castelloquistini.com
www.facebook.com/castelloquistini


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

TAG CLOUD