In piscina, quale corso scegliere?

di Monica Conforti 

Iscriversi in piscina e decidere di seguire un corso. Ma quale? Il campione olimpionico Fabio Scozzoli consiglia cosa scegliere

Monica Conforti

Monica Conforti

ContributorLeggi tutti

<<>0
1/

Medaglia d'oro agli Europei di Eindhoven in vasca corta 2010 nei 100m rana, argento ai mondiali di Dubai del 2010 sempre nei 100 rana: è davvero invidiabile il biglietto da visita di Fabio Scozzoli! Quest'anno Fabio ha vissuto un altro importante passo nella sua carriera: la sua prima Olimpiade, dove ha conquistato il 7° posto nei "suoi" 100 rana. Ed è proprio Fabio che, attraverso le sue esperienze, ci racconta come si apprezza questa disciplina e quali sono i vantaggi psicofisici che ne derivano. A tutti i livelli.

Com'è stata la tua esperienza olimpica? «E' stata un'esperienza che non dimenticherò, sia per com'è andata la gara (7° posto nei 100m rana), sia per il contesto! Al di fuori della piscina e delle gare di nuoto, che può tranquillamente essere paragonato a un mondiale, è un ambiente unico, che è difficile descrivere».

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi? «I Mondiali di vasca corta a Istanbul, a dicembre 2012! Cosa consigli a chi vuole avvicinarsi al mondo del nuoto non a livello agonistico? Ritieni possa essere uno sport per tutti? Il nuoto è senza dubbio adatto a chiunque ama l'acqua! Non è come andare a correre o in bici, nuotando ti immergi in un mondo diverso, per il quale l'uomo non è fatto, ed è affascinante.. Oltre agli innegabili benefici che comporta per il fisico: in acqua non c'è gravità, i movimenti sono più morbidi e fluidi, tutti i muscoli lavorano in modo armonico».

Come riesci a vincere la "noia" durante gli allenamenti? «Grazie ai miei compagni di squadra, che sono fantastici. E cercando ogni volta nuovi stimoli, nuovi obiettivi da raggiungere; per esempio, una sana e giocosa competizione con gli amici! (nb Fabio ha due compagni di allenamento storici, Stefano Ancarani e Marco Fanti Rovetta, con i quali condivide tutta la preparazione e anche la sua fidanzata fa parte della sua stessa squadra, l'Imola nuoto) Com'è stata la tua esperienza olimpica? E' stata un'esperienza che non dimenticherò, sia per com'è andata la gara (7° posto nei 100m rana), sia per il contesto! Al di fuori della piscina e delle gare di nuoto, che può tranquillamente essere paragonato a un mondiale, è un ambiente unico, che è difficile descrivere».

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi? «I Mondiali di vasca corta a Istanbul, a dicembre 2012! E se in piscina non si vuole soltanto nuotare e inanellare vasche una dietro l'altra? I corsi all'insegna del benessere e del divertimento sono davvero tanti. Basta scegliere quello più adatto al proprio carattere o alle esigenze fisiche».

E se in piscina non si vuole soltanto nuotare e inanellare vasche una dietro l'altra? «I corsi all'insegna del benessere e del divertimento sono davvero tanti. Basta scegliere quello più adatto al proprio carattere o alle esigenze fisiche».

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

TAG CLOUD