Acqua, ne perdiamo una lattina all'ora

di Simone Cosimi 

Ogni giro di lancette escono dal nostro corpo, in vario modo, circa 300 ml. Ecco le quantità indicate dall'Agenzia europea per la sicurezza alimentare a seconda delle fasce d'età: per gli adulti, non meno di due litri e mezzo al giorno

Simone Cosimi

Simone Cosimi

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Sapete quanta acqua perdiamo in un'ora? Circa 300 ml, quanta ne starebbe in una comune lattina di una bibita. Lo ha stimato uno studio dell'Efsa, l'Agenzia europea per la sicurezza alimentare con sede a Parma, e d'altronde c'è poco da stupirsi. Il prezioso liquido è l'elemento principale e basilare del nostro organismo: la massa corporea è costituita dal 75 al 60 per cento d'acqua, a seconda dell'età. Tanto abbondante quanto facilmente, come dire, perdibile. Senza contare che possiamo sopportare uno squilibrio pari ad appena l'1 per cento del nostro peso. Oltre tutto, l'acqua se ne va in diversi modi: sudando, respirando e attraverso altre secrezioni. Insomma, secondo gli scienziati per evitare uno problemi nell'idratazione dovremmo bere circa due litri e mezzo d'acqua ogni giorno. Esattamente la quota che rischiamo di perdere viaggiando ai ritmi di una lattina all'ora.

Ovviamente, il fabbisogno varia al variare dell'età . Insomma, la regola dei due litri e mezzo non vale per tutti ma è la soglia standard di un adulto e che bisognerebbe rispettare senza scherzi, anche se spesso non restituiamo al corpo quello che perde. Per esempio, per i primi sei mesi di vita bastano 680 ml di liquidi al giorno - solo ed esclusivamente latte - mentre dai sei mesi a un anno la quantità necessaria si alza verso gli 800 ml/un litro ogni 24 ore: oltre al latte, è ovviamente possibile aggiungere altre bevande. Crescendo, la musica cambia. Un ragazzino nella fascia 9-13 anni ha per esempio bisogno di 2,1 litri al giorno mentre una sua coetanea poco meno, 1,9. È solo fra i 14 e i 18 anni che le necessità iniziano a stabilizzarsi, portandosi al livello di due litri, due litri e mezzo al giorno. Una cifra che rimane stabile almeno fino ai 70 anni.

Discorso diverso per le donne in gravidanza, che devono bere almeno 2,3 litri al giorno. E durante l'allattamento sarebbe bene arrivare almeno a 2,7. Senza arrivare alla disidratazione, bere è fondamentale per eliminare scorie e tossine, depurare l'organismo, abbassare pressione, colesterolo, glicemia. Non basta: anche per attenuare la ritenzione idrica, migliorare la memoria, regolare l'equilibrio elettrolitico, senza dimenticare i benefici per la pelle. In estate, ovviamente, la situazione muta di molto: secondo un rapporto dell'Osservatorio nutrizionale e sugli stili di vita promosso da Grana Padano, al quota quotidiana consigliata cresce almeno a tre litri. Alla luce dei nuovi dati diffusi dall'Efsa, la cifra è oltre tutto destinata ad essere rivista al rialzo. Attenzione, però: non troppo o rischierete di diventare delle aquaholic che mandano giù fino a sei o sette litri d'acqua al giorno.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

TAG CLOUD