Protesi Pip: precisazioni e consigli

di Alessandra Celentano 

Dall'associazione di chirurghi Aicpe, alcuni chiarimenti per tutti e cinque linee guida di comportamento per i medici

Alessandra Celentano

Alessandra Celentano

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Basta allarmismi sul caso Pip. L'associazione italiana Aicpe - quella che riunisce oltre un centinaio di chirurghi plastici estetici - ha deciso di fare chiarezza sulla questione delle protesi al seno prodotte dall'azienda francese Pip e attualmente sotto accusa, perché realizzate con silicone industriale anziché medico.  

E allora quali sono le paure o le convinzioni da sfatare in base ai dati raccolti finora? Tanto per cominciare «non esistono evidenze scientifiche sul fatto che ci siano legami tra le protesi e il cancro» afferma Mario Pelle Ceravolo, presidente di Aicpe.  «Anzi - prosegue l'esperto - l'incidenza di tale patologia è inferiore a quella riscontrata fra le donne senza protesi». Incerti e da prendere con le molle anche i dati sulla rottura delle suddette protesi: sì, perché tali indicazioni - precisa l'associazione Aicpe - sono il frutto di studi effettuati con metodologie differenti e quindi non comparabili. Ad ogni modo, proprio per poter ragionare su altri e più precisi dati, l'associazione di chirurgi estetici italiani si sta attivando per realizzare uno studio relativo alle protesi Pip esistenti nel nostro paese.

Mario Pelle Ceravolo invita poi a non adottare inopportune contromisure preventive. Ci sono donne che, sull'onda della preoccupazione di questi giorni, stanno accarezzando l'idea di sostituire le loro attuali protesi al seno così, a priori, e non sulla base di specifiche indicazioni cliniche. Ma impiantare nuove protesi significa andare incontro a una seconda operazione e qualsiasi intervento chirurgico non è esente da rischi e possibili complicazioni. Perciò no alle sostituzioni di protesi "a tappeto" e senza fondati motivi.

Oltre a chiarire alcune idee generali sollevate dalla questione Pip, l'associazione Aicpe ha anche stilato, per i medici, cinque linee guida di comportamento. 1) Raccomandare una visita di controllo semestrale a tutte le pazienti. 2) Espiantare le protesi e, in assenza di controindicazioni, sostituirle a tutte le donne con evidente o sospetta contrattura capsulare, sieroma, infiammazioni loco-regionali, adenopatie, lesioni importanti o rottura franca. 3) Valutare con particolare attenzione (e, se necessario, con l'aiuto di colleghi specialisti) tutte le pazienti alle prese con sindrome ansiosa o condizioni psicologiche labili. 4) Chiedere alla FDA di ogni paese di valutare e certificare tutti gli impianti utilizzati sul territorio. 5) Creare un registro degli impianti, per avere un rapido follow up di tutte le protesi impiantate e poter gestire al meglio situazioni di questo tipo».


 

 

DA STYLE.IT

  • News

    2014, le classifiche di Google

    Il 2014 riassunto grazie alle classifiche stilate da Google

    • 0
    • 21
  • Mamma

    Dentizione: fluoro sì o no?

    I pediatri lo prescrivono dai sei mesi in su, ma c’è chi dice che non serva. Anzi, si teme il sovradosaggio. Dove sta la verità?

    • 0
    • 0
  • Mamma

    A teatro con i bambini: non solo Peppa Pig

    Il 6 dicembre la maialina più amata di tutti va in scena al Teatro Manzoni di Milano, all'interno di una rassegna piena di titoli da scoprire

    • 0
    • 0
  • Sposa

    “Tutti pazzi per le nozze”: il nuovo programma tv dedicato al matrimonio

    Va in onda da domani sera su La5, il nuovo format sul matrimonio 'social', condotto da Giorgia Fantin Borghi, nota wedding planner. Un nuovo modo di concepire il matrimonio come avventura corale. E laddove non arrivano i soldi...

    • 1
    • 11

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

TAG CLOUD