Jeremy Rifkin: «Energia verde, la nostra salvezza»

di Giulia Blasi 

A Roma per presentare il nuovo libro, La Terza Rivoluzione Industriale, ci parla di come convertire la nostra economia passando dal modello piramidale a quello distribuito (con il contributo di tutti)

Giulia Blasi

Giulia Blasi

ContributorScopri di piùLeggi tutti


foto LaPresse

foto LaPresse

L'avvicendarsi di millenaristi da strapazzo che anno dopo anno predicono la fine dell'umanità ci ha forse mitridatizzati contro gli avvertimenti concreti: che la nostra economia non sia più sostenibile - per noi, per il pianeta, per i bambini che stanno nascendo mentre leggete queste righe - è un'idea che passa spesso in sordina ed è diventata realtà per molti solo negli ultimi tre anni, dopo il crollo dell'economia di mercato.

Il nuovo libro di Jeremy Rifkin, La Terza Rivoluzione Industriale, si occupa proprio di questo: ovvero di come convertire la nostra economia passando dal modello piramidale (grandi distributori di energia in cima, che incassano il massimo dei profitti; la gente in fondo) a quello distribuito (energia generata da mille punti collegati in rete fra loro).

Al Teatro Valle Occupato di Roma, giovedì 27 ottobre, Rifkin è venuto subito al punto: «Volevo dire una cosa a tutti quelli che hanno partecipato al movimento 15 Ottobre: congratulazioni. Avete capito che la nostra economia non funziona e siete scesi in piazza a dirlo. Siete riusciti a portare milioni di persone sulle strade utilizzando la comunicazione distribuita e collaborativa della rete».

Proprio sul potere della rete si fonda la teoria di Rifkin, che da anni si batte per un passaggio dall'energia basata sui combustibili fossili a quella sostenibile e rinnovabile di sole, vento, acqua, terra. Una teoria che ha un fascino primordiale perché, come spiega lo stesso Rifkin, «Convertendoci all'energia verde saremo di nuovo in sintonia con la Terra e i suoi ritmi».

Il fatto è che il petrolio si sta esaurendo: era prevedibile che prima o poi il brodo di dinosauri morti che stiamo utilizzando per illuminare le nostre case, far funzionare i nostri computer e collegarci a Internet sarebbe finito. Chi prende alla leggera questo problema forse non ha provato di recente a vivere senza elettricità (agli abitanti di Roma è capitato durante l'alluvione, e meriterebbe un capitolo a parte), ma diciamo anche che se la nostra civiltà funziona come funziona lo dobbiamo quasi interamente agli inventori della corrente elettrica. Quello che deve cambiare non è quindi l'energia generata, ma il modo di generarla.

Già, ma cosa succede se non cambiamo? A parte le guerre, le carestie, le rivolte, la povertà, la fame? Succede, in poche parole, che finiremo tutti sott'acqua in seguito allo scioglimento dei ghiacciai. Che il 70% delle specie viventi si estinguerà entro la fine del secolo. E in ultima analisi, che anche noi ci estingueremo. Il che potrà non essere un guaio per chi non vedrà comunque la fine del secolo, ma già chi è nato alla fine degli Anni Zero potrebbe a un certo punto trovarsi aggrappato alla zattera, se non è morto in battaglia o di fame. Bella prospettiva, non c'è che dire.

Secondo Rifkin, come individui possiamo agire contro questo stato di cose: con la parola, manifestando e facendo pressione sui governi nazionali a favore della riconversione alle energie verdi e facendo pressione sui governi. Ma anche limitando il nostro consumo energetico individuale, e quando possibile investendo su sistemi di riscaldamento o generazione di elettricità come i pannelli solari, l'eolico o il fotovoltaico. Solo così possiamo fare un passo avanti verso quella "rete" che ci salverà. Rifkin ne è convinto: «Abbiamo abbastanza energia verde distribuita per prenderci cosa della nostra specie e delle altre creature fino alla fine dei tempi».


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana