Green Hill, come adottare i cani beagle

di Francesca Cibrario 

I 2500 beagle di Green Hill sono stati affidati a Legambiente e Lav. E ora cercano casa. Ecco come aiutarli

Francesca Cibrario

Francesca Cibrario

EditorLeggi tutti


Foto Getty Images

Foto Getty Images

Green Hill: le foto dei beagle che hanno già trovato casa

I cuccioli di Green Hill cercano casa. Questa mattina, infatti, la Procura di Brescia ha firmato il decreto con il quale si autorizza l'affidamento provvisorio a Legambiente e Lav dei 2500 beagle dell'azienda posta sotto sequestro mercoledì 18 luglio.

Le due associazioni ambientaliste, che per prime avevano denunciato il maltrattamento dei cani allevati per i laboratori di vivisezione, si occuperanno dunque di accudire i cani finora cresciuti nell'azienda di Montichiari (Brescia).

Essendo ancora sotto sequestro probatorio, i beagle di Green Hill non potranno essere adottati subito. Certamente, però, potranno esserlo a breve.

Se vi siete appassionati alle vicende dei beagle di Green Hill è possibile candidarsi ufficialmente per adottare cuccioli, fattrici, cani adulti e i cani che erano già in partenza per essere oggetto di sperimentazione. Gli aspiranti "genitori" nei prossimi giorni troveranno tutte le informazioni per mettersi in lista sui siti della Lav e di Legambiente.

Ma c'è un altro modo per aiutare i beagle. L'operazione ribattezzata "SOS Green Hill" è molto costosa e graverà sulle sue associazioni coinvolte che, dunque, contano sul sostegno di iscritti, sostenitori e cittadini.

Ma cos'è Greenhill? (fonte Lav)
Green Hill 2001 è uno stabilimento allevatore di cani situato a Montichiari (Brescia) che alleva beagle destinati ai laboratori di tutta Europa. La struttura è composta da 5 capannoni nei quali le condizioni di mantenimento degli animali non soddisfano le necessità etologiche e fisiche degli animali. I beagle, infatti, vengono allevati in massa e cresciuti senza vedere la luce del sole o poter passeggiare all'aria aperta, mantenuti all'interno di gabbie di dimensioni esigue, dalle quali escono solo al momento di essere trasferiti presso la loro destinazione finale: il laboratorio dal quale usciranno solo come carcasse, da smaltire come rifiuti speciali.
Da alcuni anni Green Hill è di proprietà di un'azienda americana, la Marshall Farm Inc. Marshall è un nome tristemente noto in tutto il mondo, in quanto più grande "produttore" di cani da laboratorio che esista.
Green Hill è l'ultimo stabilimento allevatore di cani da sperimentazione presente in Italia.

Leggi anche:

>>Green Hill, sequestrato l'allevamento di beagle

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana