JTI Clean City Lab

di Francesca Cibrario 

Ecco come gli studenti di quattro prestigiose università europee immaginano un futuro in cui fumatori e non convivono pacificamente in una città più pulita

Francesca Cibrario

Francesca Cibrario

EditorLeggi tutti

<<>0
1/

La passione per le sigarette divide la popolazione in due fazioni, chi non vuole rinunciare alla sua bionda, neppure nell'era del fumo digitale, e chi non sopporta di trovarsi nello stesso luogo con un fumatore. Due esigenze per forza inconciliabili? È proprio ciò che si propone di investigare JT International SA (JTI), multinazionale del tabacco da sempre attenta alle tematiche sociali, ambientali e culturali. Per farlo da tre anni organizza in collaborazione con Future Concept Lab, il contest internazionale "JTI Clean City Lab", che coinvolge le più prestigiose scuole di design d'Europa con l'obiettivo di sfidare gli studenti a creare progetti che rendano la città più pulita, liberandola dai mozziconi, ma che servano anche per ricostruire le relazioni interrotte tra fumatori e non fumatori.

Nel 2011, gli studenti sono stati invitati a progettare un portacenere da taschino, il secondo anno, invece, uno da esterni. Quest'anno l'orizzonte si è decisamente allargato e agli studenti del Politecnico di Milano, della South Bank University di Londra, dello IED- Spagna di Madrid e dello HEAD di Ginevra è stato chiesto di ideare uno spazio di design che riesca a coniugare felicemente innovazione, estetica e funzionalità dove far condividere, a cittadini fumatori e non, una dimensione sociale attenta al rispetto delle reciproche esigenze e a un ambiente urbano più pulito e vivibile. "Si tratta di un progetto di educazione civica che mira a creare una convivenza tra fumatori e non ", ci spiega PierCarlo Alessiani, Presidente e Amministratore Delegato di JT International Italia. "Il nostro gruppo si è assunto un ruolo sociale nei paesi in cui opera e per questo si impegna nel sociale, nella cultura, nella charity. Questa terza edizione conclude un primo ciclo- prosegue l'a.d. - quello della convivenza tra fumatore e non fumatori nell'ambiente urbano. Nella prima edizione abbiamo chiesto agli studenti di realizzare un oggetto personale, un portacenere tascabile; nella seconda, abbiamo allargato la visione, chiedendo di realizzare un posacenere da esterni; nella terza, che vedrà la sua conclusione al Salone del Mobile di Milano con la premiazione dei vincitori alla Triennale, abbiamo esplorato la convivenza nell'ambiente cittadino. A questo concetto di rispetto abbiamo voluto legare una delle eccellenze italiane, il design, coinvolgendo però altri Paesi, la Svezia, la Spagna, l'Inghilterra…".

"Uno degli aspetti più interessanti di questo concorso - ci racconta Paolo Ferrarini di Future Concept Lab, istituto di consulenza strategica a cui Jti ha affidato l'organizzazione del contest - è vedere i diversi approcci a seconda della nazionalità e della scuola. Per tutti il briefing è stato lo stesso e per tutti si trattava di un'attività extracurricolare. Eppure gli approcci nell'affrontarlo erano molto differenti. In Spagna c'era un grande entusiasmo e attenzione al concetto, all'approfondimento. Gli studenti svizzeri hanno interpretato il concept con rigore e precisione estrema, anche nel processo e nello sviluppo. Col Politecnico di Milano, come accade per molti progetti italiani, all'inizio l'andamento era erratico, un po' caotico… ma poi il tutto è sfociato in progetti solidissimi. Invece, alla South Bank, che è una scuola tradizionalmente legata al fare, c'è stato un grandissimo coinvolgimento dello staff e dei tutor. E, soprattutto, una generosità incredibile nella quantità di progetti proposti: ne abbiamo visti più di 150 solo lì. E, in Inghilterra, come in ogni altra nazione coinvolta, abbiamo selezionato i quattro più meritevoli".

A lavori ancora in corso, siamo andati a conoscere e vedere come lavorano gli studenti dello IED di Madrid coinvolti nel progetto. Nella gallery qui sopra i loro progetti (e i loro sogni). Per vederli dal vivo assieme a quelli delle altre università coinvolte, l'appuntamento è dal 9 al 14 aprile 2013, in occasione del Salone Internazionale del Mobile 2013, dove saranno esposti alla Triennale di Milano in uno spazio studiato ad hoc dal designer Vicente Garcia Jimenez, mentre la cerimonia di premiazione dei tre progetti vincitori si terrà presso il Teatro Agorà il giorno 11 aprile alle ore 11:00.

I progetti degli studenti saranno valutati attentamente da una giuria composta da esperti del settore, quali l'architetto e designer Aldo Cibic, il designer Makio Hasuike e il direttore di Elle Decor Livia Peraldo e, come nelle precedenti edizioni, dal Presidente di Future Concept Lab Francesco Morace e dal Presidente e Amministratore Delegato di JT International Italia PierCarlo Alessiani. Quest'ultimo ci assicura che questa premiazione non metterà la parola fine al progetto, anzi: "Dal giorno successivo cominceremo a lavorare sul secondo ciclo del progetto assieme a Future Concept Lab, perché vogliamo farlo evolvere ulteriormente, andando al di là della città, spingendoci nel verde, nella natura, nell'ambiente a 360°".

DA STYLE.IT

  • Casa

    Fratelli Campana, la luce del Brasile

    Dalla collaborazione tra Baccarat e i fratelli Campana nasce la linea Fusion, caratterizzata dall'inedito matrimonio tra cristallo e bambù. L'intervista ai due designer brasiliani e le foto delle loro opere, esposte a Palazzo Morando in occasione della Design Week milanese

  • Casa

    Dal Salone (del Mobile) al tuo salotto

    La 52esima edizione del Salone del Mobile di Milano è stata un grande successo. Ecco alcune delle idee per rinnovare la casa scovate tra gli stand della Fiera

  • Casa

    Tiffany & Co. e AD brindano a Elsa Peretti

    Un grande evento, organizzato in occasione del Salone del Mobile 2013 da Tiffany & Co. e AD, per celebrare Elsa Perretti e la mostra Objects of Life - un viaggio attraverso le collezioni senza tempo

  • Casa

    Promote Design Exhibit: trasparenze, ricicli e altre idee green di 37 designer

    In via Sbodio 30, zona Ventura / Lambrate, la collettiva di 37 creativi che tra plexiglas e cristalli, legno e stoffa, lana e


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana