Un anno senza Steve Jobs

di Simone Cosimi 

Il 5 ottobre del 2011 scompariva, ad appena 56 anni, il carismatico fondatore della Apple: a 365 giorni il mito è maturo per l'ingresso nell'immaginario collettivo. Le tracce - film, libri, doc e omaggi - dell'anno appena trascorso senza il guru di Cupertino

Simone Cosimi

Simone Cosimi

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

La sua storia, e prima di tutto la sua icona, sono pronte - oggi, a un anno dal suo atteso ma doloroso addio - a penetrare l'immaginario collettivo scavalcando l'oggettività. Oltre i contrasti, dunque. Superando gli odi, le contraddizioni e gli amori sollevati da Steve Jobs, morto a Palo Alto, cuore pulsante della californiana Silicon Valley, il 5 ottobre del 2011.

(Co)fondatore e anima di Apple - che significa un mo(n)do a parte d'intendere la tecnologia - ma anche simbolo, prendendola alla larga, del sogno americano e della follia creativa, della fame d'innovazione e successo. Lui, figlio adottivo mezzo americano mezzo siriano, che quella grinta l'ha ficcata anche nella battaglia lunga sette anni - fra appannati miglioramenti, repentine ricadute, smentite e drammatici misteri sulle sue condizioni di salute - contro una rara forma di tumore maligno al pancreas.

Cinquantasei anni - era nato a San Francisco il 24 febbraio 1955: pochi, pochissimi. Più che sufficienti, tuttavia, a farne un genio imperfetto, non scevro - come ciascuno di noi - da difetti e fallimenti. Ma segnato da formidabili ripartenze che hanno condotto, al di là di computer e laptop, alla costruzione di un universo: quello di iPod, iPhone, iPad. Ma soprattutto di una nuova grammatica quotidiana: dita, mani, unghie e cervello della società 2.0 nelle nuove e sguscianti protesi hi-tech.

365 giorni più tardi facciamo il punto su come il mondo ha attraversato un anno senza Jobs pescando fra libri, film, doc e tracce del vuoto. Impronte, reali e digitali, di quell'uomo dal volto tagliente il cui culto entra ufficialmente nello stesso cerchio delle grandi rockstar degli anni Settanta. Più che delle stimabili - ma un po' polverose - personalità dell'informatica.

Leggi anche:

>>Steve Jobs, il ricordo a un anno dalla scomparsa

>>Ecco come Steve Jobs ci ha cambiato la vita

>>iJobs: le creature di un sognatore

>>Thanks different: l'addio dei fan

>>Ashton Kutcher interpreterà Steve Jobs

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

  • News

    Unioni Civili, ddl Cirinnà arriva alla Camera

    Unioni Civili, ddl Cirinnà arriva alla Camera


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana