A Mo Yan il Nobel per la Letteratura

di Staff Casa 

Il premio Nobel per la Letteratura è stato assegnato a Mo Yan, pseudonimo di Guan Moye, autore di Sorgo rosso. È il primo cittadino cinese ad aggiudicarsi il più prestigioso premio letterario


Foto: Corbis Images

Foto: Corbis Images

Il premio Nobel per la Letteratura è stato assegnato a Mo Yan, pseudonimo dello scrittore cinese Guan Moye, autore di Sorgo rosso (Einaudi). Lo ha annunciato l'Accademia svedese, che si occupa di selezionare i vincitori del prestigioso riconoscimento.

Mo Yan è stato premiato per il suo "realismo allucinatorio", recitano le motivazioni, aggiungendo che "fonde fiabe popolari, storia e contemporaneità".

Degli ultimi cinque premi Nobel assegnati, quattro erano stati attribuiti ad autori europei, per ultimo l'anno scorso il poeta svedese Tomas Transtromer.

Il premio in denaro è di 8 milioni di corone svedesi, circa 930mila euro.

Mo Yan è nato nel 1955 in una famiglia di contadini nella provincia cinese orientale dello Shandong. Mo Yan è uno pseudonimo e significa "non parlare"; l'autore, loquace di natura, lo scelse durante la stesura del suo primo romanzo e spiega che serviva a ricordargli di tenere la bocca chiusa per timore di finire nei guai e a mascherare la sua identità dal momento che cominciò a scrivere mentre era in servizio nell'esercito.

Per Mo Yan il successo arrivò con il romanzo Sorgo rosso, pubblicato nel 1987. Ambientato in un piccolo villaggio, come la maggior parte dei suoi racconti, il libro intreccia una storia d'amore genuina con lotte fra contadini sullo sfondo della guerra contro il Giappone. Fu trasformato in un film, che nel 1988 fu premiato al Festival internazionale di Berlino, accrescendo la fama dello scrittore e lanciando come regista Zhang Yimou.

Peter Englund, segretario permanente dell'Accademia svedese, ha riferito di aver contattato Mo prima dell'annuncio. "Ha detto che era felicissimo e spaventato", ha detto. Mo, 57 anni, è il primo cittadino cinese a ricevere il Nobel per la letteratura, ma non il primo di origine cinese. Nel 2000, infatti, il riconoscimento fu assegnato a Gao Xingjian, nato in Cina e naturalizzato francese, noto per le sue opere critiche nei confronti del governo comunista cinese. Quando vinse, la leadership comunista rinnegò il premio.

Mo Yan ha avuto la meglio su concorrenti di tutto rispetto. In particolare, secondo i bookmaker inglesi, il favorito era Haruki Murakami, autore del capolavoro 1Q84. Tra gli altri possibili vincitori c'erano anche Bob Dylan, cantautore amato in tutto il mondo, l'israeliano Amos Oz, il premio Pulitzer Philip Roth e Don De Lillo, autore del celeberrimo Cosmopolis. In lizza, secondo gli scommettitori, c'erano anche alcuni scrittori italiani: Dacia Maraini, che quest'anno ha vinto il premio Campiello alla carriera, Umberto Eco e Andrea Camilleri.

>> Leggi anche: Nobel per la medicina a Gurdon e Yamanaka


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana