Premio Antico Pignolo: vince «Il libro degli universi»

di Margot  Silva 

Venezia non è solo sinonimo di «Campiello» ma anche del riconoscimento letterario dedicato alla saggistica. Premiati John David Barrow, Piero Angela e Filippo De Vivo

Margot  Silva

Margot  Silva

ContributorLeggi tutti


 

 

Venezia non come Campiello, ma come Premio Antico Pignolo. La città ospita, infatti, anche il premio letterario dedicato alla saggistica che quest'anno verrà consegnato l'11 novembre nelle Sale Apolinee del Teatro La Fenice.

I vincitori di questa quarta edizione sono tre: il cosmologo inglese John David Barrow per la sezione saggistica edizione 2012, autore de "Il libro degli Universi" edito da Mondadori. Un libro che esplora a fondo le questioni più controverse della cosmologia contemporanea, un viaggio attraverso la pluralità degli universi da Aristotele a Einstein; Filippo De Vivo - storico italiano docente presso l'università di Londra - autore di "Patrizi, informatori, barbieri" edito da Feltrinelli, libro che indaga i rapporti di potere e la diffusione della stampa a Venezia tra il 1500 e il 1600 e Piero Angela, che riceve il premio alla carriera come uno dei più grandi esperti italiani di divulgazione scientifica.

I riconoscimenti sono tre, ma tutti legati da un unico filo conduttore: un'accurata riflessione in ambito scientifico e culturale. l premi sono così suddivisi: il primo a un autore, anche straniero, il cui libro sia stato pubblicato in lingua italiana e che affronti tematiche di ampio spettro sociale; il secondo a uno scrittore che abbia trattato un argomento vicino alla città lagunare e il terzo, dedicato invece a un personaggio italiano, che con i suoi scritti abbia contribuito alla diffusione della cultura e dell'informazione.

L'Antico Pignolo, questo giovane premio letterario dal titolo curioso, prende in realtà il nome da un antico ristorante veneziano che, al tempo della Serenissima, era un'osteria specializzata in cicchetti e si trovava proprio a pochi passi da Palazzo Ducale. Il Ristorante vero e proprio, venne inaugurato ne 1930 e dedicato a una clientela prestigiosa che amava ballare nella pista del cortile interno al locale, poi immortalata anche nel film "Summertime" con Katherine Hepburn.

>> Libri, premiato "Come si governa il mondo"

>> A Mo Yan il Nobel per la Letteratura

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana