La Scienza della Fantascienza

di Guy Pizzinelli 

Torna in edizione riveduta e ampliata il più classico dei saggi italiani sulla Fantascienza

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Nel 1998 l'Editore Bompiani pubblicava un libro che potremmo definire irrinunciabile per qualsiasi critico, autore o lettore di fantascienza. Si tratta de "La scienza della fantascienza", un saggio ora disponibile per Bompiani in una nuova edizione riveduta e ampliata, che lo stesso autore Renato Giovannoli (grande amico di Umberto Eco) descrive in questo modo: "Questo non è un libro che spieghi se e quando la scienza di cui si parla nella fantascienza sia "vera". E non è nemmeno un libro sull'allegra inverosimiglianza della fantascienza. Androidi, iperspazio, astrogazione, cyborg, universi paralleli, alieni, macchine del tempo, scambio mentale, quarta dimensione... Una mappa coerente e scientificamente verosimile si disegna a poco a poco... ne nasce un'enciclopedia dell'immaginario che mostra punti di contatto sempre più inquietanti con l'enciclopedia detta del "reale". Così che a un certo punto ci si chiede se la fantascienza altro non faccia che trarre inferenze ragionevoli dai principi della scienza ufficiale o se la scienza ufficiale non faccia che trarre inferenze non sempre ragionevoli dalle intuizioni della fantascienza."

Le scienze della fantascienza, va da sé, hanno spesso un debito nei confronti delle vere scienze. Talvolta però sono il libero frutto della fantasia degli scrittori e al contrario hanno ispirato il lavoro degli scienziati. Attento a entrambi i fenomeni, questo è anche un libro di divulgazione (e virtualmente di didattica) degli aspetti più speculativi e "fantascientifici" della scienza contemporanea. Non è questo tuttavia il suo intento principale, ma quello di dimostrare piuttosto l'autonomia della scienza della fantascienza, che si configura come un sistema in cui le teorie si concatenano, si rivelano casi particolari di teorie unificate, si oppongono in dibattiti epistemologici e vere e proprie rivoluzioni scientifiche.
Ad esempio, riguardo al discussissimo e controverso film Interstellar di Nolan, Giovannoli osserva: «Il film si basa sulle teorie del fisico Kip Thorne, che ha fatto anche da consulente a Nolan. È uno specialista in wormholes attraversabili. Ponti nello spazio, per così dire, gallerie spaziali: un'idea frutto, in soldoni, di un'equazione della relatività rivista secondo la fisica quantistica. Parliamo di buchi neri manomessi artificialmente o quasi, che possono essere usati come cavalcavia per passare da un punto all'altro del cosmo. Thorne e altri fisici come Matt Visser sostengono che i buchi neri possono diventare wormholes grazie a un rinforzo di materia esotica, cioè materia che non esiste ma che forse potrebbe esistere, cosicché le astronavi attraverserebbero queste gole... Il film dà questo per scontato, ma non si fa capire e finisce pere essere astruso. Bisogna già conoscere la teoria e poi c'è ancora qualcosa che non torna...».

Insomma, un saggio che si legge come un romanzo di fantascienza e che ricostruisce la storia e la struttura di un sistema, spaziando dalle scienze umane alla biologia e alla linguistica aliene, dalla robotica ai fondamenti geometrici e astrofisici dei voli interstellari, fino a sconfinare, passando dalle teorie dei viaggi nel tempo degli universi paralleli, nella cosmologia e nella metafisica.
Un po' troppi echi dello stile dell'amico Eco, a tratti, ma solo il capitolo sui wormholes vale tutto il libro.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana