Le immutabili macchie del leopardo

di Guy Pizzinelli 

Un personaggio che ricorda Holden Caulfield di J.D. Salinger's, e un certo sapore della follia di  Hunter Thompson

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

"Ho perso ogni libro che ho scritto," dichiara l'anonimo narratore del romanzo di Kristopher Jansma, che rivela poi di aver cominciato a scrivere molto presto, intorno agli 8 anni.
Immaginare di avercela fatta: non vi è soluzione migliore di questa, se si è concluso poco o niente nella vita.
Ed è quello che fa il protagonista di questo sorprendente romanzo, sin da quando, tra le aule di un college, durante le lezioni di Narrativa e Poesia impartite dall'altezzoso professor Morissey all'insegna del motto «Tutta la verità dilla, ma dilla obliqua…», incontra Julian McGann, talentuoso ma tormentato scrittore, e decide di imitarlo.
A differenza di Julian, però, il nostro non soltanto non riesce a combinare niente di buono, ma perde persino ogni testo che scrive.

A soli otto anni, nel terminal di un aeroporto, mentre aspetta che la madre hostess finisca di distribuire arachidi tostate al miele a diciottomila piedi di altitudine e torni a prenderlo, conclude il suo primo capolavoro, ma un poliziotto sbadatamente lo getta nella spazzatura.
Scrive altre tre storie, ma anche quelle vanno perdute: la prima sul fondo di un lago nero, la seconda nelle mani di una donna che non ricambia il suo amore, la terza in una polverosa discarica africana, avvolta nei resti strappati e insanguinati di una giacca di tweed.
Braccato dal successo di Julian, suo grande amico e rivale, e ispirato dall'amore che prova per la bellissima Evelyn Lynn Madison Demont, attrice esclusivamente di teatro con gli zigomi alti e lo sguardo annoiato, il nostro narratore decide di avventurarsi, sotto mentite spoglie, da un capo all'altro del pianeta: dai jazz club di Manhattan ai villaggi dello Sri Lanka, dal Gran Canyon alle hall degli hotel più eleganti di Dubai, dai mercati di Kumasi ai picchi ghiacciati dell'Islanda.
Alla fine, quando per colpa delle sue stesse oblique verità rischierà di perdere l'amicizia di Julian e il legame con Evelyn, capirà che le sue «macchie»,come quelle di un leopardo, non se ne andranno mai e dovrà accettarsi così com'è.

Kristopher Jansma è nato e cresciuto nel New Jersey. Si è laureato alla Johns Hopkins University e ha ottenuto un Master in Scrittura alla Columbia University. Nel 2011 alcuni suoi racconti sono stati pubblicati sullo «Shaking Literary Magazine», ottenendo numerosi premi e riconoscimenti. "Le macchie" è il suo primo romanzo, in cui il lettore ritroverà anche sprazzi e semi.-citazioni di altri grandi come Fitzgerald, Hemingway, Truman Capote, Bob Dylan, Tolstoy, Borges, Kipling, in un debutto sorprendente tanto quanto affascinante e impossibile da lasciare a metà.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana