La Forma del Futuro

di Guy Pizzinelli 

Architettura e persone: cento edifici innovativi per una vita futura migliore

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Progettare, costruire, realizzare, innalzare. Oggi tutto è diverso.
Gli architetti non sono più queste creature misteriose che usano paroloni e disegni complicati, e le masse non sono un pubblico passivo. Non esiste più il consumatore conformista che non accetta più niente che non abbia già visto.
Gli architetti possono ascoltarci, e l'architettura non ci intimidisce. Significa che quel pendolo che oscilla da uno stile all'altro, da un movimento all'altro, è irrilevante. Possiamo andare avanti e trovare soluzioni rilevanti ai problemi della società. Non è la fine della storia dell'architettura, e significa che gli edifici di domani saranno molto diversi dagli edifici di oggi.

Questo aspetto dell'architettura contemporanea e altri temi fondamentali sono affrontati da Marc Kushner (fondatore di Architizer, piattaforma online dedicata all'architettura) nel volume La Forma del Futuro edito in Italia da Rizzoli.
Una raccolta di cento edifici contemporanei da diverse parti del mondo, divisi in undici sezioni, - Luoghi Estremi, Reinventare, Star Meglio, Pop-Up, Guidare, Mutaforma, Edilizia Naturale, Restringersi, Catalizzatori Sociali, Un Riparo dalla Tempesta, Avanzamento Veloce - che, secondo l'autore, hanno avuto (e continuano ad avere) un impatto rilevante sulla vita delle persone che li abitano, modificandone in modo significativo le abitudini.

«In tutto il mondo gli architetti stanno lavorando con passione per progettare edifici unici, studiati su misura in risposta alle nuove esigenze ambientali e sociali.» dichiara l'autore.
«Stanno procedendo a tutta forza verso un futuro inconoscibile. E hanno bisogno del vostro aiuto. Lasciate che l'architettura vi coinvolga. Studiate con impegno le idee più recenti. Parlate con le persone che progettano i luoghi dove trascorrete il vostro tempo. Discutete con vicini, colleghi, amici e familiari. Se chiedete all'architettura di lavorare per voi, e di riflettere sulle priorità della vostra comunità e della Terra, rimarrete sorpresi di fronte a quello che può fare.»
Un interessantissimo saggio sull'approccio vincente all'architettura urbanistica e funzionale, cone bellissime illustrazioni e fotografie di garnde impatto.
«Perché l'architettura si muove velocemente. Non ci vuole molto a pensare a un edificio. Ci vuole molto a costruire un edificio, dai tre ai quattro anni. E nel frattempo, un architetto progetterà due, o otto, o 100 altri edifici prima di sapere se quell'edificio, progettato quattro anni prima, è stato un successo.»


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana