Deserto Americano: arriva in Italia il debutto di Claire Watkins

di Guy Pizzinelli 

Un romanzo apocalittico e distopico che ricorda (da lontano) il famoso The Road, di Cormac McCarthy

Guy Pizzinelli

Guy Pizzinelli

ContributorScopri di piùLeggi tutti

In un vicino futuro semi-apocalittico, lungo una California resa desertica e arida da una terribile siccità che ha prosciugato tutte le fonti d'acqua, con i frutti dolci trafficati come se fossero droghe, Luz e Ray, legati da un amore che sembra più tossico che ridicolo, cercano di sopravvivere tra canyon e deserti, paeselli e centri commerciali abbandonati e quartieri di lusso desolati.
Una terribile siccità si è infatti abbattuta sulla costa occidentale degli Stati Uniti e ha trasformato la California in un unico grande, desolato deserto.

I fiumi, il verde, i mammiferi, la vegetazione tropicale e subtropicale, il fogliame lussureggiante, gli agrumi... tutto sembra svanito, svaporato pian piano come l'acqua degli ultimi bacini sorvegliati dalla Guardia Nazionale. Luz e Ray, nomi di luce loro stessi, vivono immersi nella luce, sotto il sole implacabile di un canyon, nella casa appartenuta un tempo a un'attrice: un cubo di vetro e ardesia con gli scorpioni che escono dai tombini, un paio di rane mummificate nella fontana asciutta, la carcassa incartapecorita di un coyote nella forra. Luz è un ex modella venticinquenne, vezzeggiata e poi messa da parte dal mondo della moda. È stata a Parigi, Milano, Londra, ma non ricorda niente di quei viaggi fatti quand'era un'adolescente strappata all'affetto dei suoi. Ray è tornato dalla guerra magro come un chiodo. Anziché raggiungere casa, ha rubato una tavola da surf e si è lasciato alle spalle crisi, carestie e guerre. Volava sulle onde dell'oceano quando Las Vegas è stata sepolta da una duna gigantesca rovente come un mare di lava.
Un giorno, i due tirano fuori una vecchia vettura dell'attrice e scendono dal canyon in una Los Angeles riarsa. Durante la danza della pioggia, un libero raduno di sballati e punk che urlano e saltano nei canali di Venice Beach, Luz si imbatte in ima misteriosa bambina dai capelli biondi e ne rimane ammaliata: sarà la loro compagna per il resto del viaggio.

Ray e Luz si incamminano così in un viaggio della speranza e di esplorazione di una nuova frontiera, lasciando una Los Angeles primordiale per dirigersi a Est, verso l'Idaho. Ma tra santoni new age e sciacalli, laghi prosciugati e mari di zolfo potranno solo constatare che oramai è tutto perduto.
Arriva così anche in Italia, edito da Neri Pozza, il primo romanzo della 32enne Claire Vaye Watkins, la figlia di Paul Watkins,  braccio destro di Charles Manson, il fondatore della setta 'The Family', passata alla storia per le sue efferatezze e gli omicidi commessi. Claire è originaria del Nevada, ed è già autrice della acclamata raccolta di racconti Battleborn. 
Distopico catastrofico, Deserto americano è un libro che, in maniera meno brutale, richiama The Road di McCarthy, pur sensa raggiungere lo stesos livello qualitativo.
Un romanzo molto ben scritto, in cui l'unica nota stonata sono i dialoghi tra i due protagonisti, spesso assolutamente inconcludenti, quando non incomprensibili.


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana