Noi? Siamo come le volpi!

di Francesca Amé 

Una donna in crisi, un bambino in pericolo e una incontro che cambia la prima: dall'autrice del fortunato 'Una bambina', un nuovo romanzo sull'amore e sull'infanzia di Torey Hayden. Perché i più piccoli hanno molto da insegnarci

Francesca Amé

Francesca Amé

ContributorScopri di piùLeggi tutti


Due chiacchiere con la scrittrice Torey Hayden, qui al suo nuovo
romanzo

Due chiacchiere con la scrittrice Torey Hayden, qui al suo nuovo romanzo

Torey Hayden è tornata. L'autrice di 'Una bambina', best-seller che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo, ci racconta ora la storia di una donna che ha appena perso un bimbo, nato malformato, ma che grazie all'incontro casuale con un altro bambino rapito e maltrattato, riscopre il senso della sua esistenza. 'L'innocenza delle volpi' (edito da Corbaccio, 16.90 euro), sono quasi quattrocento pagine che si leggono d'un fiato.
Style.it ha incontrato l'autrice, esperta anche di psicopatologia infantile e le ha fatto qualche domanda.

Bambini abusati, bambini maltrattati, bambini abbandonati: come mai scrive spesso sul 'lato oscuro dell'infanzia'?
«Per dare voce a chi non ce l'ha! Ci sono tanti di quei fraintendimenti sull'infanzia, come l'idea che sia un periodo d'oro e perfetto, senza problemi. Si pensa sempre che se i bambini soffrono, tutto sommato non è così importante perché se ne dimenticano presto oppure che hanno un'ottima capacità di rirpesa anche nelle situazioni peggiori e così via. Le cose non stanno proprio così».
Sarebbe a dire?
«I bambini ci somigliano molto, ma hanno una esperienza inferiore a noi rispetto al mondo, e anche al male. Parlarne è utile».
In questo suo ultimo libro lei paragona i bambini 'difficili' alle volpi…
«Le volpi sanno essere molto distruttive, ma al tempo stesso sappiamo bene che non lo fanno apposta, che non c'è cattiveria nel loro operato. Loro non badano nemmeno a noi: pensano solo a loro stesse e a quanto sia buona quella gallina da spennare. C'è una sorta di innocenza nella loro distruzione. Se ci pensiamo bene, non solo i bambini 'difficili' somigliano alle volpi, ma anche molti adulti, interessati a guardare alle cose solo dalla nostra prospettiva, senza curarsi di ferire gli altri».
Secondo lei si parla a sufficienza dei bambini in crisi? Ed è per questo, per il fatto che sono storie così tormentate, che piacciono tanto i suoi libri?
«Spero che la ragione per cui la gente legge i miei romanzi è perché sono una brava scrittrice! (ride). Scherzi a parte, i miei libri non riguardano solo i bambini: tutti abbiamo provato che cosa significhi essere non amati o rifiutati da chi amiamo'»
Qual è l'aspetto dell'infanzia che ama di più?
«La freschezza. I bimbi paiono sempre nuovi di zecca. Anche quando sono colpiti duramente da situazioni pesanti, mantengono la capacità di cambiare e di aprirsi al mondo e alla gente. La loro freschezza ci ricorda che può esistere un modo nuovo, spesso inedito e piacevole, di guardare alla vita… Abbiamo molto da imparare dai bambini».

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana