Linda Schailon, dream designer

di Silvia Passini 

Nelle sue mani semplici cannucce diventano coloratissimi anelli, packaging si trasformano in originali borsette e tubi della carta igienica in installazioni artistiche. Scopriamo insieme chi è Linda Schailon, giovane designer della moda e creativa del riciclo.

Silvia Passini

Silvia Passini

ContributorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
0/

Qual è per te il nesso tra design, moda e sostenibilità?
Sono nata in Campania, quindi sin da piccola son venuta in contatto con l'arte dell'arrangiarsi. Questo ha stimolato la mia creatività verso materiali poveri, legati alla vita quotidiana, che possono essere trasformati in altro da sé con la nostra fantasia.

Secondo te questo processo di rigenerazione, di guardare oltre è tipicamente femminile?
Nel 2009 ho cercato le persone che come me si occupavano di riciclo, che avevano una progettazione etico-sostenibile alla base del loro pensiero e mi sono subito accorta che le esperienze più significative arrivavano proprio dalle donne. Da questi incontri è nata Ecopink, una mostra-evento che raggruppa creative sia italiane che straniere, che trasformano materiali di scarto in altro da sé. Oggi Ecopink è arrivata a Londra: avere come partner il Design London Festival è stato un grande trionfo.

In occasione della Festa della donna hai ricevuto dall'Associazione donne ambientaliste - ADA Onlus di Parma il premio "Una mimosa per l'ambiente", una spilla d'oro per colei che si è distinta nella tutela dell'ambiente…
Sì, quando mi è stato chiesto se volevo ricevere questo premio ero felice e lusingata allo stesso tempo. Per me è stato un giorno davvero memorabile, anche perché in 22 edizioni sono la più giovane mimosa premiata!

Ti definisci una "dream designer". Cosa intendi?
Quando le persone interagiscono con le mie creazioni, non si accorgono subito di cosa si tratti. Spesso neppure a una seconda occhiata. Si soffermano, pensano, per poi stupirsi e divertirsi. Mi piace suscitare queste emozioni: rendere possibile l'impossibile, il sogno, quello che non immagineresti mai. A volte lascio un indizio, come il water accanto alle opere della serie Expellere. Mi piace svelare i segreti che ogni materiale reca in sé. A volte passano anni prima di riuscire a trovare la nuova funzione, la nuova identità dell'oggetto-rifiuto, che sia in perfetta sintonia con la sua forma: la ricerca è sicuramente la parte più affascinante del mio lavoro.

Tre parole per definire la tua mission?
Sostenibilità, unicità, femminilità.

>>> Visita il sito Lindaschailon.com

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana