Area Lina: una galleria itinerante, a Milano

di Giulia Lina Callegari  

Nasce Area Lina, una galleria itinerante, un nuovo posto da cercare - e trovare - a Milano. Il fondatore, Gianmaria Conti, ci spiega che non bisogna tirarsi indietro di fronte alle sfide, anche se fare il suo mestiere oggi, in Italia, non è mica una passeggiata… Alla fine dell'intervista lancia un appello, a chiunque abbia qualcosa da dire, da suggerire, da fare: dice che questo è il momento giusto. Mai come ora si stanno aprendo spazi per le idee e la creatività, scrivetegli!

Giulia Lina Callegari

Giulia Lina Callegari

ContributorScopri di piùLeggi tutti

Gianmaria come sei finito a fare questo mestiere cosi difficile? Perché è difficile vero?

Il colpo di fulmine per l'arte lo devo a due incontri di gioventù. Il primo da giovanissimo, con Agostino, un caro amico che è il nipote di Primo Conti. Frequentavo spesso la sua casa… Un luogo magnifico, pieno di suggestioni, dal lusso ricercato, frequentato da persone sofisticate e per me interessanti in maniera inusuale. Venivo da un ambiente diverso ed ero tornato a vivere a Firenze solo da un paio d'anni, quell'incontro e quell'ambiente hanno segnato il mio percorso molto più di quanto avrei potuto immaginare. L'altro incontro è quello con Paolo - che aveva qualche anno più di me, viveva in un bar non più in funzione, era un artista astratto e le donne impazzivano per lui… Poi ne sono seguiti altri che hanno tracciato il cammino che seguo ancora oggi. Io dico spesso che l'arte mi ha salvato la vita e si è presa cura di me. Riguardo questa professione posso dire di aver fatto il percorso completo, quasi da manuale, niente attività di famiglia o lasciti particolari, dal magazzino agli allestimenti, dall'attaccare francobolli fino a dirigere una galleria con un organico di 5 persone, non poche per l'Italia, e oggi Area Lina che è una sfida enorme specialmente in un momento come questo.

Ecco Area Lina, ce la spieghi come se avessimo tre anni?

Devo confessare che la seconda parte della domanda: come se avessimo tre anni, mi mette in difficoltà. È qualcosa su cui sto riflettendo spesso ultimamente, ossia sul fatto che la capacità di essere chiari e lucidi è senz'altro lo strumento di cui oggi, più di ogni altro, abbiamo necessità. La mancanza di leadership che stanno dimostrando i nostri politici qui in Europa, corrisponde alla mancanza di visione, all'incapacità di "spiegare" il nuovo panorama… Dunque Area Lina non è nient'altro che una galleria d'arte aggiornata alle esigenze di questo preciso momento storico. L'operato di una galleria può essere assimilato a quello di una casa editrice o discografica. Produce, promuove e vende il lavoro degli artisti con cui lavora. Scegliere di aprire una galleria d'arte oggi, Milano, Italia 2012, significa aver accettato la sfida al cambiamento che questo nostro tempo impone. Significa aver analizzato cosa è possibile eliminare e cosa invece è assolutamente necessario tenere. Significa infine, aver ripensato il significato stesso di galleria. Area Lina ha scelto di non avere più un luogo fisico, di occuparne di differenti a ogni progetto. Area Lina è consapevole che l'arte è e ha la capacità di produrre valore. Che nelle nostre città si stanno liberando spazi ovunque e che quello che si perde quando un'attività chiude non corrisponde esclusivamente alla categoria dell'economico, non si perdono solo e drammaticamente posti di lavoro ma saperi, aspirazioni, energie. Quella perdita incide il segno della resa direttamente sulla carne viva di chi vive in quell'area. Area Lina aspira a trasformare in opportunità i segni che la crisi disegna.

Adesso a che cosa stai lavorando?

La prima mostra di Area Lina sarà quella di Bill Owens che è uno dei fotografi più importanti del dopo guerra americano vistosamente sottovalutato dal mercato. A lui, alle sue immagini sullo sviluppo delle Levitt Towns californiane tra la fine degli anni '50 e gli anni '80, si è molto ispirato il cinema. Penso a Sofia Coppola con Il giardino delle vergini suicide e a Peter Weir con Truman show. Ma penso anche alle immagini di Martin Parr e a True stories di David Byrne. Considero Owens un grandissimo artista che ha saputo lucidamente - per tornare al discorso di prima - raccontare il suo tempo con immagini bellissime, piene di rispetto, curiosità e ironia. La sua Suburbia, i personaggi che la abitano, descrive un modo di vivere assieme, di fare società che di lì a pochissimi anni sarebbe diventato un punto di riferimento del vivere collettivo per il resto del mondo, per questo sono così importanti.

Tu vivi a Milano da molto tempo, quali sono i tuoi luoghi preferiti?

Di Milano amo moltissimo il mio quartiere, l'Isola, che ha un'anima popolare, italiana e che ha luoghi dove puoi incontrare tutto e tutti senza nessuna distinzione economica o sociale. Amo il traffico, che trovo molto rassicurante, il ritmo della città che ti porta e ti dà una cadenza. Se poi dovessi nominare dei posti precisi… Mi piace molto il ristorante La Cantinetta in Piazzale Archinto, per pranzo, per cena mi piace andare da Primo Posto in Via Carmagnola…

Com' è una tua giornata tipo?

Mi sveglio alle otto, esco con i miei cani, adoratissimi. Caffè. Alle dieci inizio a lavorare, ma pranzo presto e quindi la mattina lavoro poco. Poi lavoro fino alle sette di sera, e nel frattempo bevo moltissimi caffè … Aperitivo con gli amici. Alle nove di sera cena con moglie, amici, cani, tutti insieme. Poi viene la notte e si va a dormire.

Il tuo sogno per Area Lina?

Che funzioni. Che riesca a trovare le risorse per realizzare i progetti che ho in mente. Che possa far lavorare le moltissime persone veramente in gamba che ho incontrato in questi mesi. Infine, il più difficile, riuscire a far capire ai miei colleghi che l'unica maniera per salvarsi è quella di unirsi e che il mondo che li ha resi ricchi e famosi non esiste più.

L'arte è per tutti, o è una bugia?

È una bugia, una grandissima bugia. L'arte è un'attitudine, un'aspirazione, uno dei possibili e molteplici linguaggi che abbiamo a disposizione e fortunatamente non siamo tutti uguali.

Come ti possiamo contattare e seguire?

Via mail: info@arealina.com oggi è facile. Anzi lancio un appello: chiunque abbia qualcosa da dire, da suggerire, da fare, questo è il momento giusto. Mai come ora si stanno aprendo spazi per le idee e la creatività.

DA STYLE.IT

  • Mamma

    Calendari dell'avvento

    Pochi giorni e inizia il countdown al Natale! E non c'è Dicembre che si rispetti se non c'è un Calendario dell'Avvento: eccone alcuni bellissimi da comprare, anche all'ultimo secondo!

  • Bellezza

    Polveri illuminanti

    Ombretti, ciprie, polveri che illuminano la pelle, perfetti per esaltarne il colore. Da stendere su viso, schiena e décolleté per le serate importanti o per dare un tocco di luce a una giornata grigia

  • Bellezza

    Beauty routine per la notte

    Sapevi che durante le ore notturne la produzione di collagene aumenta? Per questo e per molti altri motivi è necessario prendersi cura di corpo e viso anche mentre si riposa, con prodotti specifici pensati proprio per questo momento della giornata, sierei, creme, contorno occhi, anti-cellulite e non solo

  • Moda

    Come è bella la campagna (stampa) d'autunno

    Arriva l'estate ed è già tempo di Autunno/inverno 2013-14. Dopo le sfilate femminili, le catwalk maschili e i migliori look da red carpet, ecco che le nuove collezioni sono pronte a prendere vita sulla carta. Patinate, raffinate e impeccabili come sempre, le campagne pubblicitarie delle griffe più prestigiose saranno protagoniste indiscusse dei magazine di moda. Con qualche special guest d'eccezione


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

DA STYLE.IT

  • Cucina

    Aperitivo con i bambini

    Cibo semplice nel gusto e colorato nella veste. Per un happy hour versione junior!

  • Casa

    A tavola tutti composti: almeno a Natale!

    Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d’oro da seguire durante i pranzi e le cene di ...

  • Casa

    Dove comprare bellissime fodere per cuscini senza muoversi dal proprio letto!

    L'autunno è arrivato e lo passerete attaccate alla vostra coperta di Linus? È tempo allora di ...

  • Viaggi

    Fabriano, la città della carta

    Una mostra suggestiva e altri cinque luoghi da visitare nella bellissima città marchigiana