VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Valentina Vezzali al Festival del Cinema di Venezia 2008

Valentina Vezzali - Photo courtesy L'Oréal Paris

sondaggio

Cosa apprezzi di più di Valentina Vezzali?

La grinta
La simpatia
Il fisico asciutto
Gli occhi azzurri

valentina vezzali

Chi è: nata a Jesi (Ancona) il 14 febbraio 1974. E' sposata con il calciatore Domenico Giugliano e ha un figlio, Pietro, di tre anni. E' alta 163 cm e pesa 53 kg
Cosa fa: campionessa di scherma
Ha vinto: praticamente tutto, ma soprattutto tre ori olimpici consecutivi, l'ultimo appena conquistato a Pechino
Curiosità: è una poliziotta, entrata a far parte nel 1999 del Gruppo Sportivo Fiamme Oro ed è l'italiana più vincente della storia


11.09.2008

Valentina Vezzali:
«Il red carpet come il podio»

La campionessa di scherma, vincitrice dell'oro alle Olimpiadi, è a sorpresa guest star di uno dei red carpet della Mostra del Cinema di Venezia. Dietro le quinte dell'evento parliamo con lei di glamour, bellezza e...

di Maria Maccari

VOTA [ 12345 ] (3 voti)
Come è stata l'esperienza red carpet dopo quella del podio olimpico?
«L'esperienza del red carpet è stata veramente fantastica. Passare sul tappeto rosso, con un abito da sera stupendo, acconciatura, trucco, con le persone che mi chiamavano per gli autografi, i fotografi... Sono riuscita anche a fare le foto con il cast di attori e regista del film che stavo per vedere. Quindi è stato come salire sul podio e vedere la bandiera dell'Italia che sale mentre suona l'inno. Una sensazione molto simile, indescrivibile a parole».

Red carpet significa anche abiti da sera, trucco, coiffage... che rapporto ha con moda e beauty? Quanto è importante, per lei, l'aspetto fisico?
«Dato che sono spesso in tuta e divisa da scherma ad allenarmi per molte ore al giorno, cerco di curarmi più che posso quando torno a casa dagli allenamenti. Ho anche un marito esigente da questo punto di vista, che pretende quando sono a casa, anche se ho un figlio cui badare, che la moglie sia femminile e curata. Io lo trovo giusto, anche per mantenere vivo il rapporto. Quindi sì, mi curo molto e penso che ogni donna debba curare nei minimi dettagli il proprio aspetto».

Qual è il segreto del suo fascino tutto particolare? La maternità l'ha aiutata anche nello sport, magari cambiando un lato del suo carattere?
«Credo di essere diventata più donna da quando ho conosciuto mio marito e poi è nato mio figlio Pietro. Adesso riesco a mettere più in risalto quelle che sono le mie caratteristiche. Ho un fisico asciutto, muscoloso, esile ma che riesce a trasmettere qualcosa. Anche gli occhi azzurri aiutano molto. Io credo che la femminilità di una donna sia molto importante. Da ragazzina pensavo più a fare l'atleta e non molto al fatto di essere una donna, invece adesso mi sento tale a 360 gradi».

articoli precedenti

aggiungi un commento