VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)


23.07.2009

Maurice Roucel:
«L'indimenticabile seduzione del muschio selvatico»

VOTA [ 12345 ] (5 voti)
Qual è la sua essenza favorita in natura?
«Ne ho diverse. Tra i fiori, amo il Narciso perché è il più erotico in termini puramente olfattivi. Tra i legni, il Sandalo, più o meno per lo stesso motivo: ha qualcosa di avvolgente, di caldo, di carnale, qualcosa che senti a pelle.
Però, dopo che presso Chanel ho avuto la possibilità di sperimentare il Muschio selvatico (ndr: da almeno un secolo il muschio è usato soprattutto in forma sintetica) ammetto che è questo il materiale grezzo più sensuale che esista. Poi mi piace tutto quello che è ambrato. Sempre per il suo sex appeal.
Questi materiali naturali rispecchiano la mia percezione del profumo come di qualcosa di sensuale, avvolgente, confortevole».

Prima memoria olfattiva...
«Risale a quando avevo due anni. Sono nato a Cherbourg, in Francia e ricordo l'odore della spiaggia, del mare, mescolato a quello delle patate fritte e dei solari di quei tempi...
Il primo profumo che ricordo, parlo di quando avevo 5-6 anni, invece, è quello di mia nonna: Soir de Paris by Bourjois... Bourjois con una J come nella parola joie come recitava la pubblicità alla radio!

Il primo ricordo profumato che, invece, si lega direttamente alla mia esperienza personale è del 1965: con la mia prima paghetta e a forza di risparmi sono riuscito a comprarmi Eau Sauvage di Christian Dior. Lo adoravo, e concordavano anche le ragazze con cui uscivo! Mentre ci baciavamo mormoravano "Oh, you smell so good".

Quello infine che per primo si lega al mio lavoro è datato 1973 quando Chanel stava lanciando il No. 19. Nulla sapevo in termini di arte del profumo ma mentre questo evaporava io ho percepito chiaramente la sensazione di un diamante e della luce che si rifletteva su tutte le sue facce mentre girava su se stesso».

articoli precedenti

aggiungi un commento