VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

sondaggio

E tu, in quei giorni, soffri di qualcuno di questi disturbi?

Sì, si manifestano tutti
Solo di qualcuno
Fortunamtamente no
Qualche volta

Sindrome premestruale: i sintomi

Ecco i principali sintomi, catalogati in quattro gruppi principali.
- Disturbi emotivi: tensione nervosa, oscillazioni dell'umore, irritabilità  e stati d'ansia.
- Disturbi fisici: ritenzione idrica, aumento di peso, rigonfiamento delle mani e dei piedi, forte sensibilità (e dolorabilità) al seno e gonfiore addominale, emicrania, spossatezza, vertigini e, talvolta, palpitazioni cardiache.
- Disturbi del comportamento alimentare: aumento dell'appetito con costante bisogno di consumare alimenti dolci
- Disturbi psicofisici: depressione accompagnata da smemoratezza, desiderio frequente ed immotivato di piangere, confusione mentale e insonnia.


18.01.2008

Il sale: come usarlo

Questo alimento è spesso causa di ritnezione. A volte lo assumiamo senza rendercene conto, perché contenuto in alimenti dei quali non sospettiamo. Ecco come smascherarlo

a cura di Samantha Biale, nutrizionista

VOTA [ 12345 ] (27 voti)
TAGS: sale, cibi
Ecco la quantità di sale presente nei più comuni alimenti
-  2-1.8 g di sodio in 100 g: prosciutto crudo, salame, caviale, pecorino, salmone affumicato
- 1.7 - 1 g di sale: tutti i salumi (ad esclusione di mortadella e prosciutto cotto), feta, formaggini, aringhe marinate, patatine fritte
- 0.9 a 0.5 g: prosciutto cotto, mortadella, carne in scatola, salmone e tonno in scatola, brie, camembert, ceddar, caciotta toscana, gorgonzola, grana, parmigiano, provolone, taleggio, spinaci, pane di segale, pizza e focaccia
da 0.5 g a 0.2: biscotti, pane e prodotti da forno, succo di pomodoro, cozze, gamberi, tonno sott'olio, groviera, mozzarella
- meno di 0.2 g (cibi da privilegiare): frutta e verdura, legumi, uova, ricotta, latte e yogurt, pesci, cornflackes, wafer, mais, pasta, riso e cereali, carni in genere.

articoli precedenti

aggiungi un commento