VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Dieta del gelato - cono

Foto Archivio Condé Nast

sondaggio

Che gelato mangi abitualmente?

Goloso cono crema e cioccolato
Il ghiacciolo rinfrescante
Una ricca coppa con panna
Il sorbetto o comunque varietà alla frutta

Il gelato: valori nutrizionali

Prima di tutto basta dare un occhio alle calorie per rendersi conto che il gelato semplice, confrontato con molti altri dolci, è uno dei dessert meno calorici per la presenza di una notevole quantità di aria. 
A base di latte: contiene dalle 200 alle 220 calorie per 100 grammi e un alto valore nutrizionale perchè fornisce proteine, ferro, calcio, fosforo, vitamine B e A.
A base di frutta: contiene dalle 100 alle 140 calorie, è totalmente privo di grassi e ricco di vitamine della frutta e zuccheri.


13.06.2008

L'alfabeto del gelato: A-L

Tra i dubbi e i molti luoghi comuni, ecco l'alfabeto più utile e goloso dell'estate

a cura di Samantha Biale, nutrizionista

VOTA [ 12345 ] (27 voti)
Aria. Il gelato artigianale, cremoso e compatto, ne contiene il 30-50% contro il 100% di quello confezionato, più soffice e leggero. Più aria c'è, meno calorie ci sono. Per la dieta dimagrante è, quindi, meglio il secondo.

Banana. Insieme a quello al cocco è l'unico gelato artigianale alla frutta che contiene latte e non solo acqua e zucchero. Per questo ha più calorie (140-150 contro le 100) ma anche più nutrienti (4% di grassi, 2-3% di proteine e 30-40 mg di calcio)

Coloranti. Sono vietati nei gusti cioccolato, limone, panna e torroncino ma non per gli altri. I produttori si sono impegnati da tempo a non utilizzare quelli artificiali ma il dubbio resta: basta vedere certi blu...

Digeribilità. I lipidi del gelato si trovano in forma omogeneizzata, molto digeribile. Se mangiato da solo lascia lo stomaco in meno di due ore.

Emulsionanti. Sono additivi indispensabili per la produzione del tipo industriale perché servono a legare la parte acquosa a quella grassa e permettere un maggior inglobamento di aria. I più usati sono i mono e di-gliceridi degli acidi grassi e la lecitina di soia.

Frozen yogurt. E' uno yogurt dolcificato e congelato con aggiunta di frutta. Ha poche calorie (95 per 100 g) e tanto calcio (167 mg) ma pochi fermenti lattici vivi perché in pochi resistono alla bassa temperatura. Da non confondere con il gelato allo yogurt che ne contiene solo il 40%.

Grassi vegetali idrogenati. Vengono impiegati per conferire maggiore cremosità e per il basso costo. Non sono l'ideale per la salute perché, come si sa, l'organismo non li tollera bene ma, ormai, sono presenti in moltissimi cibi. Impossibile escluderli totalmente dalla propria alimentazione.

Igiene. I gelati industriali offrono una garanzia assoluta. Quelli artigianali solo se prodotti, conservati e venduti secondo scrupolose norme igieniche. Per avere la sicurezza della freschezza, è consigliabile preferire gelaterie con molto smercio. Semaforo giallo, invece, per i gelati delle bancarelle ambulanti, la cui composizione e origine non sempre è nota e delle cui condizioni igieniche è lecito dubitare. Analogo discorso vale per i gelati erogati dalle macchinette (fast food), che hanno un margine di sicurezza strettamente dipendente dalla loro corretta manutenzione.

Linea. Nessun pericolo! Se ci si concede un gelato basta rinunciare, in quella giornata, a un panino o a due cucchiai di olio

articoli precedenti

aggiungi un commento