VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Attenzione al peso corporeo

Anche l'apporto calorico giornaliero e il peso corporeo possono influenzare le difese immunitarie. Le diete che prevedono meno di 1.200 calorie giornaliere indeboliscono la funzione immunitaria, ma anche l'eccessiva magrezza o, al contrario, l'obesità sono due condizioni a rischio malanni. Bastano 3-5 kg in meno rispetto al peso forma o un sovrappeso di 8-10 kg per indebolire il fisico.


05.10.2009

I supercibi per aumentare le difese/1

Ci sono alimenti in grado di proteggere più di altri dai malanni di stagione. Ecco i principali

a cura di Samantha Biale, nutrizionista

VOTA [ 12345 ] (7 voti)
Il germe di grano
Un recente studio ha dimostrato che la vitamina E di cui è ricchissimo rallenta il declino delle difese immunitarie e induce una migliore risposta alla vaccinazione. Si può consumare in grani, da aggiungere alle insalate, ai cereali della colazione, alle pietanze in genere, ma anche sotto forma di olio, usato per condire o da prendere in dosi di due cucchiaini al giorno.

I cereali integrali
Mangiare abitualmente cereali integrali a colazione e pane ottenuto da farine grezze miste garantisce un apporto ottimale di vitamina B6, indispensabile per il processo di riconoscimento di virus o batteri penetrati nell'organismo da parte di specifiche cellule immunitarie.
50 grammi di cereali integrali forniscono 1.3 mg di vitamina B6 ovvero più del 100% della dose giornaliera raccomandata.

Spinaci e carote
Sono entrambi ottime fonti di betacarotene, un antiossidante vegetale che aiuta le cellule killer a combattere le infezioni nell'organismo.

• Il betacarotene, una volta passato nell'intestino, si converte in vitamina A, particolarmente importante per l'integrità e la buona funzionalità di pelle, occhi e mucose. Non a caso, quando si è carenti di questa vitamina, si è più vulnerabili alle infezioni. Per beneficiare delle virtù di questi due vegetali bisogna, però, conoscerne alcune peculiarità.
• L'assorbimento intestinale di betacarotene è migliore quando le carote sono consumate cotte e condite con un filo d'olio perché la cottura rompe le membrane cellulari dure della buccia, che rendono questa pro-vitamina meno disponibile e il grasso ne agevola l'assimilazione.
• Gli spinaci contengono anche ferro ma in forma poco disponibile per cui è consigliabile mangiarli crudi e condirli sempre con succo di limone, perché la vitamina C (sia quella contenuta naturalmente, che con la cottura andrebbe persa, sia quella degli agrumi) ne favorisce l'assimilazione.

Vai al programma del lunedì >>

articoli precedenti

commenti 1 commento

  • 23/11/2012 ore 17.25 | hamid buono

aggiungi un commento