VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Uno spettacolo di Poid Pois

Uno spettacolo di Poid Pois.

sondaggio

Incuriosita dal relax via fuoco?

Sì.
No.
Non so.

02.01.2006

Bolas di fuoco. Per Relax

Tra il fitness e la meditazione dinamica, un'idea per fare movimento e distendersi "dominando" un elemento primigenio

di Valentina Caiani

VOTA [ 12345 ] (2 voti)
I pois sono strumenti molto simili alle bolas: una corda con due sfere agli antipodi che si fanno volteggiare a ritmo di musica. Volendo, si possono incendiare per ottenere un fantastico effetto scenografico.
È proprio questo che si può imparare frequentando il corso di Pied Pois che Fabrizio Fedi ha istituito per l'omonima associazione di Prato (Fi), sede dell'unica scuola di pois d'Europa, e dell'unico master italiano.

Come è nata questa idea?
«Il copyright in realtà è dei Maori», risponde Fedi, «che usavano i pois per spaventare i nemici in battaglia e li usamno tuttora per le esibizioni rituali.
Li fabbricano le donne con il taro, una pianta locale, che viene prima intrecciata in corde, poi ridotta in poltiglia per riempire l'interno della palla. L'esterno, invece, viene realizzato disponendo le foglie una sopra l'altra, a cipolla, fino a raggiungere la grandezza di pois voluta».

Ma perché importarla in Italia?
«Quello dei pois è un utile esercizio di coordinazione: i due emisferi del cervello lavorano contemporaneamente, con un'espansione dello stato percettivo. È una forma di meditazione dinamica. Favorisce il rilassamento e un effetto di risonanza, per cui l'energia sprigionata dal movimento a vortice del pois, si trasforma in una gradevole vibrazione dello spazio. Infine, è ottimo per spalle, braccia e busto».

Info: Associazione Poid Pois, Prato (Fi), tel. 0574-604947, www.poidpois.com

articoli precedenti

aggiungi un commento