VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Physique57, il metodo workout e la palestra più cool di New York

Archivio Condé Nast

sondaggio

Frequenti abitualmente una palestra?

Sì, almeno tre volte a settimana
Mi iscrivo ma poi dopo un po' abbandono
No, mi alleno da sola a casa

Lotte Berk Method

Si tratta di un programma low impact che combina elementi di danza classica e moderna, esercizi ortopedici per la schiena e movimenti dell'Hata Yoga, creando così un metodo molto efficace e sensuale per tonificare e allungare i muscoli e per migliorare la postura. Tanya Becker ha aggiornato questo sistema variando gli esercizi di resistenza e allungamento, ammodernando la musica e rendendolo, nell'insieme, più adatto alle esigenze delle donne di oggi.


01.07.2008

Fitness: a New York, così

Si chiama Physique 57 ed è, insieme, la palestra attualmente più frequentata e il metodo di allenamento più trendy

di Maria Maccari

VOTA [ 12345 ] (2 voti)
57 come indirizzo, 24 West 57th Street, a New York e 57 come minuti, la durata di una fit-session. Physique 57 è la palestra attualmente più frequentata dalle fitness addicted di New York, comprese alcune celebrities come Kelly Ripa, che ha confessato al settimanale People di non potervi più rinunciare. Ma è anche il nome del workout che viene proposto, un programma cardio che promette di rinforzare e allungare ogni muscolo del corpo, grazie a esercizi isometrici, di resistenza e alla sbarra.

Messo a punto da Tanya Becker, co-fondatrice e istruttrice in questa palestra, che a sua volta ha preso spunto dal Lotte Berk Method,  sviluppato a Londra circa trenta anni fa dalla ballerina tedesca Lotte Berk e dal suo ortopedico e messo a punto dalla sua assistente Lydia Back, che lo ha diffuso in tutto il mondo, da Londra a Manhattan.

La lezione
Ogni lezione comincia con un riscaldamento e una sequenza di esercizi per la parte alta del corpo: pesi, flessioni, esercizi alla panca e specifici per bicipiti e tricipiti, spalle, petto e schiena. Si passa poi alla sbarra, per potenziare i muscoli di addome, glutei e cosce. Gli addominali sono allenati anche tramite una serie di esercizi di Pilates chiamati "C Curve",  mentre cosce e glutei sono rinforzati con passi di danza.
Ciascuna serie è intervallata da movimenti isometrici, per tonificare. L'istruttore è particolarmente attento alla postura e all'allineamento del corpo. Il tutto è accompagnato da musica.

I risultati
Per ottenere dei risultati visibili si raccomanda di frequentare le lezioni per 3-4 volte a settimana, a seconda del livello. Entusiasta l'attrice Kelly Ripa, che si è detta completamente presa da questa nuova tecnica, tanto da vedere i primi risultati sul suo corpo dopo sole cinque lezioni. L'attrice Kim Raver, ha invece utilizzato questo metodo per tornare in forma dopo soli quattro mesi dalla nascita del figlio.

articoli precedenti

aggiungi un commento