VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
I casoni di Caorle

I casoni di Caorle


18.06.2007

I «casoni» di Caorle,
sulle tracce di Hemingway

Sono parte di quel paesaggio che l'autore descrisse nel romanzo Di là dal fiume e tra gli alberi. Parliamo della laguna veneta nella zona di Caorle e dei suoi casoni. Oggi visitabili con una gita in barca

di Alberto Grandi

VOTA [ 12345 ] (16 voti)
A vederli dalla riva opposta sembrano le case del villaggio di Asterix, con i loro tetti spioventi fatti di canna intrecciata. Invece i casoni sono abitazioni tutt'ora usate dai pescatori della laguna veneta nella zona di Caorle che in queste acque, tanto amate da Ernest Hemingway (ne parla nel romanzo Di là dal fiume e tra gli alberi, ndr), trovano soprattutto anguille e branzini. 

Vale la pena visitarli in bicicletta o a bordo del bragozzo, tradizionale imbarcazione lagunare per una quindicina di persone. E magari ascoltando qualche aneddoto sull'autore americano la cui barca - raccontano i pescatori - era sempre fornita di botti di gin.

L'usanza di vivere nei casoni è antica e diffusa in molte zone lagunari. Durante la II Guerra Mondiale quelli di Caorle divennero un nascondiglio, lontano dai tedeschi. Oggi hanno una relativa importanza commerciale e sono meta di turismo. A bordo del bragozzo, i turisti si lasciano trasportare lungo le sponde immerse nel silenzio, rotto a tratti dal volo rasente di qualche cigno. Poi, costeggiano uno dei tanti ponti ed entrano nel casone di un pescatore.

I casoni hanno un tetto fatto di canne intrecciate e reso impermeabile dal fumo del camino che le riveste di una specie di colla. Il pavimento è in terra battuta. Ogni pescatore personalizza il suo casone come crede. Noi siamo entrati in quello di un simpatico pescatore di nome Giannino tra le cui canne erano appesi un poster del Milan, una locandina di Pane amore e fantasia, e immagini sacre. Giannino ci ha fatto assaggiare il suo «caffé da pescatore» rinforzato con un liquore. Poi, abbiamo ripreso il viaggio cullati dalla corrente lenta della laguna.

Escursioni in laguna
Tutti i giorni della settimana fino al 30 settembre
Tel
: 348 32 36 801
Info località di Caorle: www.caorlevacanze.it

articoli precedenti

aggiungi un commento