VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
La pioggia non spegne il desiderio

La cover del libro


12.07.2007

Libri / Da leggere tra le righe
Véronique Olmi: La pioggia non spegne il desiderio

Ecco un romanzo erotico e struggente allo stesso tempo. A metà tra la passione brutale di Ultimo tango a Parigi e le atmosfere sospese dei film di Kieslowsky

di Alberto Grandi

VOTA [ 12345 ] (10 voti)
Autore: Véronique Olmi
Titolo: La pioggia non spegne il desiderio
Editore:  Einaudi
Prezzo: 9.50 euro

La trama (senza nulla svelare) - un uomo e una donna si incontrano in place Saint Sulpice e si amano in una stanza d'albergo durante un piovoso pomeriggio parigino.

Incipit - «Era venuto all'appuntamento. Quel diciotto agosto in place Saint Sulpice. Place Saint Sulpice all'una sotto un cielo cupo. Era arrivato dopo di lei. Zoppicando. L'aveva notato fin dal primo istante. Un uomo fiero. Un uomo forte. In camicia azzurra e pantaloni bianchi».

La frase - «Era finito. Il primo bacio. Si sarebbero baciati ancora. Mai più per la prima volta. Quella sorpresa. Mai più. Quella confessione. Mai più. Mai più quell'audacia. Quella spudoratezza. Mai più».

Perché leggerlo - Questo romanzo ci dice poco dei suoi personaggi. Non sappiamo i nomi, né il lavoro che fanno. Sappiamo solo che sono un uomo e una donna che si sono dati appuntamento, hanno prenotano una stanza in un albergo di Parigi e lì si sono amati follemente nel corso di un piovoso pomeriggio. Apparentemente la storia parla di corpi che bramano, vestiti stropicciati, volti stravolti dopo la passione. In realtà, l'autrice lancia una sfida al lettore: leggere il romanzo non per quello che dice, ma per quello che non dice. Non per il desiderio quasi autodistruttivo (e descritto da una prosa senza censure) con cui l'uomo e la donna si amano nella camera d'albergo, ma per i pensieri taciuti, le confessioni non svelate, le parole rimaste in sospeso. Se l'autrice avesse sapientemente condito gli amplessi con dichiarazioni amorose ne sarebbe risultato un romanzo mediocremente melenso. Invece la sua è una storia di sesso brutale descritto senza pudori e di struggente passione non descritta, ma tutta affidata alla sensibilità del lettore.

Leggilo se ti piacciono
- quei film giocati più sui silenzi e le atmosefre che sui dialoghi e l'azione, come Film Blu, Film Bianco e Film Rosso di Kristof Kieslowsky e, per la passione, Ultimo tango a Parigi.

articoli precedenti

aggiungi un commento