VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
<I>Una vita da guerriero</I>

Una vita da guerriero

sondaggio

Tra Materazzi e Zidane chi dovrebbe chiedere scusa per primo?

Materazzi
Zidane
Nessuno dei due

31.08.2007

Materazzi, scrittore a testa alta

Materazzi ha scritto un libro. Sulla famosa testata di Zidane? No, dice lui. Intanto, la prima pagina si apre con la frase che scatenò la rabbia dell'attaccante francese

di Alberto Grandi

VOTA [ 12345 ] (7 voti)
Autore: Marco Materazzi
Titolo: Una vita da guerriero
Editore: Mondadori
Prezzo: 14 euro
Pace con Zidane? Guarda la videorisposta di Materazzi

Ci sono scrittori che impiegano una vita a scrivere un romanzo, a Marco Materazzi, classe 1973, difensore dell'Inter, è bastata una testata - quella di Zidane - per scrivere un libro, Una vita da guerriero, presentato insieme a Paolo Bonolis giovedì 30 agosto alla Mondadori di Milano, a due passi dal Duomo. Ma, diciamolo, quella di Zidane contro Materazzi non fu una semplice testata.

Quel gesto, che costò all'asso francese il cartellino rosso, fu molto più di una scorrettezza sportiva. Una questione di stile, prima di tutto. Perché la Francia, da sempre patria dello stile, ne ebbe poco. Vittima dell'insulto di un italien («preferisco la puttana di tua sorella» rispose Materazzi a Zidane che stanco di essere strattonato, gli disse: «se vuoi te la do io la maglia), di un guappo, di un maccaronì, perse le staffe e con quelle pure la Coppa del Mondo, il 9 luglio del 2006.

Materazzi è diventato un personaggio. Sulla testata sono stati costruiti teoremi, inventate barzellette, montati video su Internet. E per svelare la farse che la provocò, lui ha scritto appunto un libro. Divertente perché più che il calciatore, viene fuori il Materazzi uomo, da sempre vittima di un senso di incompletezza causato dalla morte prematura della madre, fiero della sua famiglia.

In conferenza stampa - e nel libro - Materazzi esprime prima di tutto la sua ammirzione sportiva per un campione come Zidane. Poi, ammette di aver sbagliato, chiede scusa, ma gradirebbe che anche Zidane facesse lo stesso «perché ha sbagliato pure lui». Infine racconta cosa lo spinse veramente a buttare lì quell'insulto volgare e come immagina una riappacificazione.
Per scoprirlo guarda il video.

articoli precedenti

aggiungi un commento