VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Una struttura di co-housing canadese

Una struttura di co-housing canadese

sondaggio

Cosa pensi del co-housing?

Lo voglio provare: si risparmia e non si è mai soli
Non fa per me: sono un individualista che ha bisogno del suo spazio
Non so

03.01.2008

Co-housing: coabitare per abitare meglio

Le bollette lievitano, gli affitti pure e tu che sei single cominci a sentirti solo nella grande metropoli. Come sopravvivere? Con il co-housing, un modello abitativo economico, ecologico e che punta tutto sulla socializzazione

di Alberto Grandi

VOTA [ 12345 ] (9 voti)
Il co-housing è un modello di coabitazione nato in Danimarca negli anni '60 che potrebbe diventare presto realtà anche in Italia. Funziona così: un numero di famiglie che va da un minimo di 10 a un massimo di 40 si stabilisce in una zona da recuperare dove, pur abitando ciascuna nel proprio appartamento, condivide ambienti di uso comune e spese come luce, gas ed elettricità. Così facendo le spese dei singoli vengono ridotte al minimo e le piccole incombenze della quotidianità rubano meno tempo perché assegnate a turni. Molte organizzazioni nel nostro Paese si stanno attivando per avviare sperimentazioni di co-housing rivalutando territori come vecchie cascine ed ecomostri, grazie alle concessioni o alle aste pubbliche.
Di seguito,una lista di siti che portano avanti questa filosofia di vita, una serie di buoni motivi per diventare co-houser e progetti che potrebbero diventare realtà.

www.cohousing.it
Il sito rappresenta la Innosense Partnership, agenzia per il rinnovamento sociale, e il dipartimento Indaco del Politecnico di Milano, due realtà che intendono promuovere il co-housing nel nostro Paese e stanno portando avanti numerosi progetti alcuni dei quali dovrebbero partire entro il 2009.

www.cohousing-italy.com
Il sito promuove, in rete, l'associazione Cohabitando, formata da un gruppo di amici romani che si propone di divulgare la filosofia del co-housing attraverso la costruzione di strutture sparse da Nord a Sud.

www.ispcohousing.org
Il sito rappresenta l'ISPCo, istituto nazionale per la promozione del co-housing, con sede a Roma. L'istituto, attraverso la sinergia delle associazioni impegnate in questo settore, fornisce consulenza e gestione operativa per la realizzazione di progetti di co-housing.

articoli precedenti

aggiungi un commento