VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)


03.04.2008

Nozze: come sono cambiate?

La cerimonia e il ricevimento, nel corso degli anni, hanno subito un cambiamento? 

di Maria Maccari

VOTA [ 12345 ] (8 voti)
Sempre a Ines Monti, data la sua lunga esperienza, abbiamo chiesto se nel corso degli anni ha notato un cambiamento nel modo di organizzare e vivere il fatidico giorno del sì.

In base alla sua esperienza, può dirci se le sembra cambiato il modo di organizzare le nozze e l'evento in sé?
«Ci sono stati notevoli cambiamenti. Negli anni '60, ad esempio, tutto era più semplice, si usava molto il cocktail e l'atmosfera era più intima. Nel corso degli anni si è passati a una sempre maggiore complessità, al cocktail si è sostituito il pranzo, la scenografia ha preso sempre più il sopravvento, influenzati dall'esempio dei paesi anglosassoni, in cui si è sempre posto l'accento sulla rappresentazione coreografica. E' per questo che da qualche anno anche in Italia si sta imponendo la figura del wedding planner, del coordinatore, una sorta di regista che tiene le fila del tutto».

Un consiglio alle future spose...?
«Attualmente mi sto occupando delle nozze di mia figlia Francesca, che si sposerà il 30 agosto. Malgrado la lunga esperienza mi sono resa conto che ogni regola ha il suo cavillo. Mi sto, come si suol dire, scontrando con la realtà. Come comunicare determinate scelte agli ospiti? Come spiegare, tramite invito, che il ricevimento consiste in una cena? O che è gradito l'abito scuro? Siamo pertanto arrivati a un compromesso: Francesca e il suo fidanzato hanno creato un proprio sito attraverso il quale comunicare con i loro ospiti, conversare e parlare di quello che il bon ton assolutamente proibisce».


>> Leggi i consigli degli altri esperti

articoli precedenti

aggiungi un commento