VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Julianne Moore, GregoryC

L'attrice Julianne Moore fotografata da Crewdson

Guarda la gallery

08.10.2008

FOTOGRAFIA
Dream House,
il film (mai diretto)
di Gregory Crewdson

In mostra a Milano, i lavori del fotografo che mette in scena
finzione e realtà, ricreando atmosfere oniriche alla David Lynch 
di Elisa della Barba

VOTA [ 12345 ] (1 voto)
Una casa disabitata nel Vermont, lasciata intatta per volere dei familiari della proprietaria deceduta dieci anni fa. Mobili, accessori, vestiti, lettere toccati solo dalla polvere, intonsi come in un mausoleo. Sembra l'inizio di un romanzo, ma è la realtà scelta da Gregory Crewdson (Brooklyn, 26 settembre 1962) per il progetto in mostra a Photology a Milano, Dream House.

Crewdson è senza dubbio uno dei più grandi esponenti della staged photography: è la serie Twilight (1998-2002) a segnare il riconoscimento internazionale di questo fotografo e artista che da sempre ama rappresentare un'atmosfera onirica e misteriosa.

Quella che leggiamo nelle 12 fotografie esposte, tutte di notevoli dimensioni, è un'incredibile capacità narrativa, tanto che per Dream House sarebbe più opportuno parlare di regia.

Gli oggetti disposti con minuziosa ossessività, le luci teatrali, le situazioni surreali di queste immagini ricordano molto David Lynch, ma il tutto viene reso ancora più inquietante dal fatto che paradossalmente la scenografia utilizzata - una villa sperduta nell'America suburbana - sia reale.

Composizioni rese uniche anche dal fatto che i protagonisti di questi scatti - suggeriti dal vagare solitario di Crewdson all'interno della casa - siano Tilda Swinton, Julianne Moore, Philip Seymour Hoffman, William H. Macy, Dylan Baker e Gwyneth Paltrow. Celebrità scelte e fortemente volute da Crewdson a due imprescindibili condizioni: che arrivassero sul "set" da soli, senza seguito, e si rimettessero completamente al suo controllo artistico.

Il risultato? Come lo ha definito lo stesso Crewdson: "una particolare congiunzione di opposti, frattura tra ciò che è reale e ciò che è immaginato".  

Gregory Crewdson - "Dream House"
18 Settembre 2008 - 22 Novembre 2008
Photology - Via della Moscova 25, Milano
web:
www.photology.com

articoli precedenti

aggiungi un commento