VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Jean-Michel Basquiat

Jean-Michel Basquiat (foto: Michael Halsband)  

Guarda la gallery

11.10.2008

MOSTRE
Basquiat e i Fantasmi
(da scacciare)

A Roma, la retrospettiva che omaggia con opere e foto inedite l'artista americano

di Elisa della Barba

VOTA [ 12345 ] (1 voto)
Erano tanti i fantasmi che aveva da scacciare Jean-Michel. Il titolo della mostra a Palazzo Ruspoli a Roma, che riprende quello di una serie di quadri di Basquiat, inquadra immediatamente questo personaggio che è stato uomo per poco ma rimarrà artista per sempre.

Cresciuto a NYC, morto a 27 anni per overdose di eroina, all'età di 7 viene investito da un'auto e durante la convalescenza si appassiona all'Anatomia di Gray, il manuale di anatomia più famoso del mondo.

La Fondazione Memmo presenta più di 50 opere (alcune inedite) incentrate sulla visione frammentata che Basquiat aveva del corpo umano e della complessità dell'uomo stesso. Visione che include una serie di tematiche fortemente rivelatrici di Basquiat, come l'ambiente urbano che ha vissuto così intensamente - il modus operandi stesso dell'artista, il "graffitismo", ne è testimone - le sue origini afro-caraibiche, le paure e insicurezze di musicista e pittore.

Non c'è relazione fra gli oggetti ripetuti ossessivamente: scheletri, arti sparsi, auto, grattacieli, giocattoli, eroi neri, scritte, la corona (simbolo di autoaffermazione). Si legge un mondo dilaniato nei segni da lui tracciati, incoerenti ma al tempo stesso prove evidenti di un'innocenza perduta, rappresentazione primitiva e rituale del suo mondo, fatto di delirio ed emarginazione.

Michael Halsband, autore delle 5 foto inedite in mostra e suo amico, sostiene che la droga e l'alcool siano stati palliativi per la frustrazione di "un negro in questo mondo", usando le parole di Basquiat.

Anche la sua arte, quindi, appare come una sorta di catarsi, per scacciare i fantasmi di una vita vissuta fra droghe e razzismo.

Jean-Michel Basquiat. Fantasmi da scacciare
2 ottobre 2008 - 1 febbraio 2009
Fondazione Memmo - Palazzo Ruspoli
Via del Corso 418, Roma
Web: www.fondazionememmo.it

articoli precedenti

aggiungi un commento