VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
dennis hopper

Locandina della mostra alla Cinémathèque Française

Guarda la gallery

09.12.2008

MOSTRE
Dennis Hopper,
un eclettico a Parigi

Fino al 15 gennaio 2009, arte e cinema si incontrano alla Cinémathèque Française per una mostra dedicata
all'artista dai mille volti di Elisa Della Barba

VOTA [ 12345 ] (0 voti)
Dennis Hopper (1936, Kansas, Stati Uniti) è uno che non ha dovuto scegliere. Chi ha talento non deve decidere, figuriamoci lui che ha fatto di una sola vita molte vocazioni.

Attore, regista, pittore, fotografo, collezionista d'arte: Dennis Hopper decisamente non si è mai limitato, nella vita come nella carriera. A 19 anni recita nel film Gioventù bruciata (1955) con James Dean. Acquista la fama di attore scontroso e inaffidabile durante la lavorazione di L'uomo che non voleva uccidere (1958).

Si trasferisce a New York, dove studia recitazione alla Lee Strasberg School, e recita in molte serie famose - una per tutte Ai confini della realtà - e in alcuni western al fianco di John Wayne. Ma è solo nel 1969 che con Peter Fonda si cimenta come regista e autore nel famosissimo Easy Rider e riesce a scuotere l'opinione pubblica a Hollywood. Forse scosso dalla fama e dal secondo divorzio (Hopper ad oggi ha all'attivo 5 matrimoni) si dà all'uso pesante di droghe e alcool.

La critica lo consacra definitivamente al mondo del cinema per la sua interpretazione in Velluto Blu di David Lynch nel 1986, e per la direzione del film Colors (sulle gang di Los Angeles) nel 1988.

La Cinémathèque Française, nata nel 1936 grazie a Henri Langlois - fu proprio il suo licenziamento la causa dei tumulti del maggio del '68 a Parigi - celebra oggi questo personaggio che si merita davvero la definizione di artista. 

In esposizione, le creazioni di Hopper. Molti i dipinti, le fotografie, i  film e i documentari, ma anche scatti inediti che lo ritraggono e opere di Warhol, Basquiat, Schnabel, Ruscha, Salle, Rauschenberg, Herms, Berman dalla sua collezione privata - è stato uno dei primi a collezionare Pop Art a Los Angeles.

Cinque le sezioni da visitare, che non vogliono essere cronologiche ma trasversali per meglio rappresentare i mille volti di Hollywood, mondo a sé che Dennis Hopper ha conosciuto molto bene e di cui è perfetto testimone.  

Dennis Hopper & le Nouvel Hollywood
15 Ottobre 2008 - 19 Gennaio 2009
Cinémathèque Française
51 rue de Bercy, Parigi
www.cinemateque.fr

articoli precedenti

aggiungi un commento