VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Albert Watson, Christy Turlington, New York, 1990

Guarda la gallery

29.12.2008

FOTOGRAFIA
Ironia ed eleganza: a Berlino è di scena Albert Watson

Fino al 17 gennaio 2009, alla Camera Work Gallery, la retrospettiva del fotografo scozzese che ha ritratto, tra gli altri, Kate Moss e Christy Turlington. Dai lavori giovanili agli scatti provocatori, dalle cover per Vogue agli spot

di Elisa Della Barba

VOTA [ 12345 ] (4 voti)
È difficile inquadrare lo scozzese Albert Watson (1942-). Praticamente impossibile incasellarne la tipologia.

Fotografo di moda. Perché è autore di più di 250 copertine di Vogue. Fotografo delle celebrities. Kate Moss, Christy Turlington, Mick Jagger, Jack Nicholson, Uma Thurman, Laetitia Casta, David Bowie sono solo un piccolissimo campione delle star che ha immortalato.

Sue le immagini per "Rolling Stones", "Times", "Vibes", "Newsweek". Regista pubblicitario, ha girato più di 650 spot (Levi's, Nissan, Volvo, NASDAQ, Breil). E poi ancora i casinò di Las Vegas, i Motel, le insegne nel deserto, gli oggetti, i viaggi, le donne. I dettagli.

Con uno stile che è sempre suo, una perfezione innata nello stupire l'osservatore, nel farlo concentrare: un colore, una posa, un'ombra. È un modo di firmare, il suo. Non con quel banale rapido graffio di penna, ma con l'ironia. Quella di un uomo che sa guardare in maniera differente le cose, a partire da se stesso. Che, cieco da un occhio, non è da tutti pubblicare un libro e dargli il titolo "Ciclope".

Ecco allora Alfred Hitchcock con un'oca, uno scimpanzè mascherato, un ragazzino "dorato". Con questa mostra esaustiva, dove vengono presentati lavori classici come "Waris" e "Golden Boy", serie provocatorie come "Las Vegas Motel" e "Breaunna" ma anche lavori giovanili dalle serie "Hat Blocks" e "Jellyfish Tank", Camera Work a Berlino riesce a spiegarci molto bene che non c'è bisogno di domandarsi a che categoria appartenga Watson. Perché una colonna portante della fotografia contemporanea può fare quello che vuole, purché continui a scattare.


Albert Watson
22 Novembre 2008 - 17 Gennaio 2009
Camera Work Gallery
Kantstrasse 149, Berlino
www.camerawork.de
Ingresso Libero
Orari: da Martedì a Sabato 11.00 - 18.00
Chiuso Domenica e Lunedì

articoli precedenti

aggiungi un commento