VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Un ritratto della Vreeland e un particolare della mostra

Un ritratto della Vreeland e un particolare della mostra

Guarda la gallery

27.01.2009

FOTOGRAFIA
La Dolce Vita
di Diana Vreeland

Da ragazza bruttina a carismatica fashion editor e trend-setter: l'omaggio di Roma a una grande icona del mondo della moda

di Elisa della Barba

VOTA [ 12345 ] (0 voti)
Un'icona non ha età. Forse è per questo che la grande Diana Vreeland non ha mai voluto specificare la sua data di nascita.

Cresciuta a Parigi da una famiglia non ricca ma ben connessa socialmente, oppressa dalla figura di una madre che le ricorda ogni giorno la sua inadeguatezza estetica, fin da piccola Diana è convinta di poter essere diversa, vuole disperatamente essere diversa, che importa se non ha la faccia di un angelo? Lei vuole volare lo stesso.

Inizia ad arricchire il suo vocabolario, cesella le buone maniere, e scrive sul suo diario: «Per anni ho cercato ragazze perfette perché potessero essere il mio modello. Visto che non ne ho ancora trovata una, quella ragazza sarò io».

All'insorgere della prima guerra mondiale si trasferisce a New York con la famiglia, dove conosce Thomas Reed Vreeland, banchiere, nonché suo futuro marito (da cui avrà due figli).

Fashion Editor per Harper's Bazaar per 25 anni e poi Direttore per Vogue America, diventerà una leggenda nel mondo della moda (Avedon lavorerà con lei per 40 anni).

Vreelandesque, Italian Portfolio le rende omaggio, in occasione di Alta Roma, attraverso servizi di moda, fotografie e riviste. La mostra racconta il fascino esercitato dalla moda italiana e dalla Dolce Vita sulla Vreeland, dal servizio "Portfolio of the new Italy" sulla moda e il cinema dell'epoca al Pucci di "An Italian Skier Designs", fino al "Dolce far niente-The Italians at Ease" del 1958. E poi gli anni '60 con Benedetta Barzini, e i quasi '70 con la Cardinale a indossare le collezioni Romane. Nel 1988, Vogue Italia la ricorda con le parole dei suoi amici Horst, Hubert de Givenchy, Pierre Bergé e Valentino.

Non male, per una donna che a 35 anni aveva affermato, senza ombra di femminismo: "Lavorare? Che idea interessante."

Vreelandesque, Italian Portfolio
31 Gennaio - 3 Febbraio 2009
Tempio di Adriano
Piazza di Pietra, Roma
Orari: tutti i giorni 10.00- 21.00

articoli precedenti

aggiungi un commento