VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Dall'alto in basso: creazioni di Helena Hörstedt (prima e terza immagine) e Martin Bergström. Foto Peter Farago e Mikael Schulz

Guarda la gallery

23.02.2009

Ecco la moda svedese
che dice addio al Nord

Fino al 17 maggio Londra sorprende con una mostra-carrellata
di nuovi designer  pronti a distruggere vecchi stereotipi

di Elisa della Barba

VOTA [ 12345 ] (2 voti)
In collaborazione con l'Istituto Svedese, il Fashion Textile Museum di Londra presenta i nuovi talenti del design svedese: 13 fashion designer che stravolgono lo stereotipo nazionale del minimalismo esasperato e funzionale. A fare da cornice, l'accessorio per eccellenza: i gioielli, spesso pezzi unici, preziosi o meno, anch'essi firmati da nuovi designer.

È dal 1990 infatti che un'onda creativa ha investito il Paese, con la conseguente nascita di brand e giovani vogliosi di cambiare l'ordine delle idee. Perché di questo si tratta quando si parla dei designer in mostra: nuove entusiaste avanguardie non prive di meritevoli intuizioni e alcune firme più che collaudate che hanno aperto loro la strada, ispirandole. Ann-Sofie Back calca periodicamente le passerelle della Fashion Week a Londra con creazioni che rimescolano i pezzi come in un puzzle: magliette che diventano gonne e maniche che maniche non sono. Sandra Backlund sforna di collezione in collezione, senza sforzo né ripetizione, intrecci annodati di lana grossa, fina, di ogni foggia e colore. Helena Hörstedt scolpisce il nero e la pelle con voluttà, in un vorticoso circuito affollato da ornamenti barocco-geometrici. Nakkna invece gioca con morbidi drappi e fantasie anni '70.

Ne risulta un quadro generale che grida vendetta contro l'immagine compassata e semplice di questo paese (dall'architettura al mercato della moda, molto classico e "spoglio" solo fino a poco tempo fa). I tessuti dicono "guardami", le forme un tempo lineari e disciplinate si piegano come ramoscelli dopo una lunga nevicata, colme di fronzoli, ridondanti di orgogliosa opulenza e incuranti di una scomodità che è consapevole di essere glamour e molto, molto sexy.

Swedish Fashion
Exploring a New Identity
Fino al 17 maggio 2009
The Fashion and Textile Museum 83 Bermondsey Street, Londra
www.ftmlondon.org

articoli precedenti

aggiungi un commento