VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)

Guarda la gallery

14.05.2009

MOSTRE DI MODA
Le modelle (di ferro)
di Paris Fashions 1945

A New York fino al 6 settembre, ritratto (d'autore) di un'epoca. Negli scatti del fotografo americano David Seidner le creazioni dei grandi stilisti del dopoguerra indossate da modelle in... fil di ferro

di Elisa Della Barba

VOTA [ 12345 ] (3 voti)
C'era una volta il dopo guerra. In seguito alla liberazione del 1944, l'industria della moda Francese fu colpita duramente: durante l'Occupazione, infatti, vennero imposte ridotte forniture di tessuti alle case di moda, così a rischio costante di bancarotta.

La Camera Sindacale della moda parigina ideò allora una piccola mostra, Théâtre de la Mode, per riportare prestigio e gloria a questo business internazionale. Se le risorse tessili erano ristrette, anche le modelle dovevano esserlo.  

Con un geniale escamotage per ovviare alla scarsità di materiali, gli organizzatori commissionarono manichini di fil di ferro alti poco più di 60 centimetri come modelle e invitarono i più grandi stilisti dell'epoca, incluso Balenciaga, Jacques Fath, Lucien Lelong, Elsa Schiaparelli e Pierre Balmain, a vestirli con mini-creazioni su misura.

Le 230 "bambole", inserite in ambientazioni ad hoc, vennero inaugurate il 27 marzo del 1945 al Musée des Arts Décoratifs.    

Il successo fu immediato e nel giro di un anno, mentre la mostra viaggiava per il mondo, l'industria della moda francese si riprese completamente. Assolto meravigliosamente il loro compito, i manichini furono donati al Maryhill Museum vicino a Portland, nell'Oregon e scomparsero dalla scena pubblica fino al 1990, quando furono riscoperti e inviati a Parigi.

Lì vennero restaurati per una mostra al Musée de la Mode: David Seidner (1957 - 1999), grandissimo fotografo di moda americano conosciuto per la collaborazione con Yves Saint Laurent, fu chiamato a fotografarli.  

Con sensibilità storica e artistica, Seidner li ritrasse in set poveri e abbandonati come gli edifici bombardati del dopoguerra, eco dell'epoca in cui erano stati creati e richiamo della scenografia originale.

15 di queste foto a colori, accompagnate da uno dei manichini originali, verranno esposte dall'International Center of Photography di New York per rendere omaggio a lui e al coraggio delle persone che non si arresero alla crisi.  

David Seidner: Paris Fashions, 1945
15 Maggio - 6 Settembre 2009
International Center of Photography
1133 Avenue of the Americas at 43rd Street
New York
www.icp.org

articoli precedenti

aggiungi un commento