VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Vitché

Photo by Vitché

Guarda la gallery

06.07.2009

EVENTI
Né dans la rue:
Graffiti a Parigi

Fino al 29 novembre l'omaggio della Fondation Cartier alla Street Art

di Elisa Della Barba

VOTA [ 12345 ] (4 voti)
I Graffiti nascono alla fine degli anni '60, dalla mente dei ragazzi di Manhattan, del Bronx, di Brooklyn. I componenti del movimento si definiscono "writers": influenzati dai cartelloni pubblicitari e dai fumetti creano una nuova forma di espressione costruita attorno a nomi e iniziali, le "tag", ovvero nome in codice. Questa firma, composta dal loro soprannome e numero dell'indirizzo di casa (Barbara 62, Stay High 49) deve essere disegnata sulle mura di edifici pubblici o veicoli nel modo più originale possibile.

Le metropolitane sono le preferite: più la location è difficile da raggiungere più la bravura nel tratto deve raffinarsi. Alla fine degli anni '70, i writers più bravi vengono invitati dalle gallerie ad esibire i loro lavori (su tela, questa volta). In quegli stessi anni, Jean-Michel Basquiat e Keith Haring, non ancora artisti noti, presentavano la loro arte sulle stesse superfici usate dai writers, usando anch'essi le tag.

"Born in the Streets-Graffiti" celebra questo movimento artistico di strada con una mostra a 360 gradi. Nella prima parte della mostra, una serie di fotografie, film e bozzetti esploreranno la nascita dei Graffiti a New York, grazie a tre importanti pionieri del movimento, Phase 2, Part 1 e Seen, invitati per creare dipinti su muro a larga scala.

La seconda parte dimostrerà l'attuale vitalità del movimento attraverso lavori site-specific creati da artisti di tutto il mondo, Basco-Vazko (Santiago, Chile), Cripta (São Paulo), Jonone (Paris), Olivier, Kosta-Théfaine (Paris), Barry McGee (San Francisco), Nug (Stockholm). Il tutto corredato da un vasto programma che include documentari, film e cortometraggi.

Born in the Streets - Graffiti
7 Luglio - 29 Novembre 2009
Fondation Cartier pour l'art contemporain
261, Boulevard Raspail, Parigi
www.fondation.cartier.com

articoli precedenti

aggiungi un commento