VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Bastano 2 minuti: controlla la tua posta elettronica e segui le istruzioni contenute nella mail che ti abbiamo appena inviato.
Con un click confermi la tua iscrizione a Style.it e inizi subito a navigare nel nuovo mondo di Style.it da protagonista! Se non hai tempo in questo momento, non c'è problema! Puoi scoprire le novità del sito e navigare fra i nostri servizi, i nuovi canali, la community. Però ricorda che se confermi la tua iscrizione e navighi sempre come utente loggata... c'è più divertimento!

VECCHIO UTENTE

Ciao!

Hai visto quante novità su Style.it? Una nuova grafica, una nuova community e moltissime nuove opportunità per diventare protagonisti del sito. Vuoi scoprire il mondo di Style.it? Contatta la redazione inviando un email a lestylersietevoi@style.it e riceverai le istruzioni per confermare la tua registrazione.
Basteranno pochissimi click! :-)

UTENTE NON RICONOSCIUTO

Utente non riconosciuto!

La password e l'utente/email che hai inserito non sono stati riconosciuti. Se non sei ancora registrato, cosa aspetti? Basteranno pochissimi click! :-)
Mars of Asheville, 1967 - 1968, USA  James Sterling, 1968, USA

Abiti del 1967 - 1968. Photo by Irving Solero © The Museum at the Fashion Institute of Technology, New York

Guarda la gallery

06.07.2009

MOSTRE DI MODA
Fashion&Politik a New York

Il Museum del Fashion Institute of Technology di New York
svela le tappe storiche più importanti del lungo sodalizio
tra moda e politica.                                VAI ALLA GALLERY

di Elisa Della Barba

VOTA [ 12345 ] (0 voti)
La moda femminile come mezzo strategico per convogliare idee politiche e sociali: il nazionalismo, il femminismo, l'identità etnica.

È su questo ruolo che si focalizza Fashion &  Politics, con più di 100 pezzi da collezione ordinati cronologicamente per il pubblico.
La galleria introduttiva esplora il nazionalismo americano. In mostra un vestito del 1889 circa, stampato con un motivo a bandiera americana, ripreso poi da Catherine Malandrino nel 2001, con Flag Dress, indossato da star e socialites dopo l'11 Settembre e nella campagna elettorale del 2008. Si passa poi ai primi del '900, a favore di abiti comodi come il Liberty of London.

Si continua con le rappresentazioni del patriottismo durante la Seconda Guerra Mondiale, come l'uniforme per la divisione W.A.V.E.S. (Women Accepted for Volunteer Emergency Service) dell'Esercito americano, creata appositamente dal couturier Mainbocher.

L'atmosfera del dopo guerra, baby boom, tecnologia e rivoluzione sessuale, viene catturato da Pierre Cardin, Andre Courrèges e Rudi Gernreich: famosissimo il suo monokini, "insieme moda e cronaca sociale", dirà.

Dopo gli anni '50 il collegamento moda-politica non è più un velato accenno ma una dichiarazione: la collezione Mao del 1995 di Vivienne Tam è un esplicito riferimento alla storia politica cinese. Governo ed esercito vengono invece messi in discussione da Stephen Sprouse con un tessuto camouflage su cui è stampata la Dichiarazione di Indipendenza (2004).

Oggi la moda continua a mostrare una dimensione sociale e politica, parlando di global warming, di crisi economica, del  "cambiamento" e del "progresso" promesso da Barack Obama. Parole chiave della sua campagna elettorale, ma anche manifesto della moda da sempre.

Fashion & Politics
7 Luglio - 7 Novembre 2009
Museum at FIT
Seventh Avenue at 27 Street, New York City
www.fitnyc.edu

articoli precedenti

aggiungi un commento